2 anni fa 09/06/2017 13:18

Giamba Venditti su nazionale di rugby e alimentazione

Prossimamente su Rugbymeet 5 schede nutrizionali realizzate dal Dottor Giovanbattista Venditti

Giovanbattista “Giamba” Venditti, 27 anni compiuti da poco e quasi 40 caps in maglia azzurra. Non è tra i convocati per la prima sfida alla Scozia ma scenderà in campo sicuramente con Australia e Fiji. In raduno per il Tour sotto l’equatore accetta di scambiare quattro chiacchiere con Rugbymeet.

  • Che aria si respira nel gruppo?
    Un’aria pulita e salubre, direi. Siamo carichi e determinati, abbiamo voglia di metterci alla prova e di verificare i nostri progressi. Un anno con Conor O’Shea è stato un anno sicuramente importante, ci ha trasmesso fiducia e voglia di esplorare i nostri limiti. Sarà una strada in salita, ne sono e ne siamo consapevoli, ma il clima è veramente cambiato. I frutti del lavoro del nuovo staff cominciano a farsi vedere. Per il momento solo nel clima interno alla squadra, come è naturale che sia. Ricominceremo dalla Scozia, che è la Nazionale contro cui abbiamo chiuso il nostro ultimo Sei Nazioni. La voglia di voltare pagina è tanta.
  • Scozia, Fiji, Australia, tre avversarie di livello, tre partite che si annunciano…?
    Durissime e complicate. Non solo per il valore delle avversarie, che comunque è notevole. Ma anche per le condizioni ambientali. Farà molto caldo, con tassi di umidità molto elevati, noi siamo a fine stagione, e le nostre tre contendenti amano tutte muovere la palla. Da ogni punto del campo e in qualsiasi situazione tattica. Sarà un trittico all’insegna del sacrificio e del grande lavoro.
  • Nello specifico, in quale misura è sensato parlare di benefico effetto O’Shea sull’Italia ovale?
    Con lui stiamo acquisendo consapevolezza di quanto facciamo e di quanto tentiamo di fare. Ognuno di noi è responsabilizzato al massimo, prendiamo decisioni e ne valutiamo la sensatezza sulla base dell’analisi del risultato ottenuto. È un processo complesso ma fondamentale. Deciso, agisco, magari sbaglio, ma da quell’errore traggo importanti insegnamenti che mi guideranno nella futura scelta. Meglio così che limitarsi semplicemente a eseguire…
  • Venditti e il Pro 12, l’anno prossimo ancora Zebre?
    Il mio è fra i contratti non in scadenza. Quindi la mia permanenza nella franchigia di Parma è un dato scontato.
  • Nella speranza di un campionato e di un anno…
    Meno difficili di quelli passati. Anche se, devo dire, nelle difficoltà il gruppo ha trovato una sua precisa identità, si è ritrovato, quasi scoperto. Sapevamo di andare in battaglia armati di stuzzicadenti contro truppe corazzate, ma non ci siamo mai sottratti, non siamo mai venuti meno, ci abbiamo sempre messo la faccia. E non per una banale e scontata questione di contratto. Posso dire con orgoglio che, in più di un’occasione, abbiamo fatto cose che assomigliano a miracoli. Ovviamente in ognuno di noi c’è la speranza che le cose, soprattutto fuori dal campo, funzionino meglio in futuro.
  • Dottor Giovanbattista Venditti, laureato in Scienze dell’alimentazione con una tesi su?
    Sugli aspetti socio culturali del cibo
  • Per un futuro professionale nel campo della nutrizione sportiva?
    Non esattamente. Mi sono iscritto con l’idea di imparare cose di cui avevo solo una percezione molto vaga e per niente scientifica. Ora ho competenze che probabilmente userò e che hanno di fatto arricchito il mio personale bagaglio culturale. Quanto a un futuro professionale, sinceramente, non saprei dire. Non ora quantomeno.
  • Intanto sta per cominciare una collaborazione con Rugbymeet, di cosa si tratta?
    Preparerò una serie di schede nutrizionali a uso degli atleti in attività, distinguendone i contenuti per periodo dell’anno e della stagione agonistica. La prima uscirà a metà giugno.
  • Laurea a parte, ma restando in tema, qual è il suo piatto preferito, diciamo “da atleta in attività”?
    Adoro la bistecca di tonno ( Proteineleggermente panata e appena scottata in padella con abbondante guarnizione di pistacchi e mandorle.
  • E il piatto preferito di Venditti, quelle rare volte che non agisce e si comporta come un “atleta non in attività”?
    Domanda dalla risposta scontata se posta a un abruzzese. Arrosticini ( Proteine)! Cos’altro? E in quantità industriale, altrimenti che gusto c’è a sbracare?.

Prossimamente saranno a online du Rugbymeet 5 schede di alimentazione per il rugbista realizzate dal Dottor Giovanbattista Venditti e 5 schede di preparazione atletica realizzate dal preparatore atletico della Nazionale Giovanni Sanguin. Stay tuned!

 

Per l’integrazione sportiva Rugbymeet consiglia Prozis azienda leader in Europa per gli integratori sportivi. 

Online troverai tutti i prodotti per la tua integrazione a prezzi incredibili: ProteineAminoacidi e Gainer. Arriva il caldo, ricordati di reidratati con i Sali Minerali.

Per tutti gli amici di Rugbymeet un ulteriore sconto del 10% inserendo il codice: RUGME10

Foto Alfio Guarise

notizie correlate

Italia: Maxime Mbandà tra idoli di gioventù e speranze Mondiali

Italia: Maxime Mbandà tra idoli di gioventù e speranze Mondiali

“Sono stato un ragazzino in sovrappeso, la svolta c’è stata quando ho controllato l’alimentazione…”
Dal cancro alla dieta vegana, la storia di Darren Dawidiuk

Dal cancro alla dieta vegana, la storia di Darren Dawidiuk

Il tallonatore dei London Irish sta lottando contro il cancro
Cosa mangia un campione come Sonny Bill Williams [VIDEO]

Cosa mangia un campione come Sonny Bill Williams [VIDEO]

La lista della spesa dell’All Black Sonny Bill Williams
Rugby e cucina: La dieta del rugbista

Rugby e cucina: La dieta del rugbista

Ricominciare dopo le feste, qualche dritta sull’alimentazione
L'evoluzione di un giocatore di rugby

L'evoluzione di un giocatore di rugby

I dati statistici che delineano il cambiamento
Tu sei un Campione o sei solo un Eroe ?

Tu sei un Campione o sei solo un Eroe ?

Quanto e come si allena il giocatore di rugby

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale