1 anno fa|1 anni fa 09/06/2017 12:44

Lisandro Villagra e la sua nuova sfida a Capoterra

“Sarò per l’ultima volta giocatore/allenatore. Parte una nuova sfida che accetto volentieri”

Lisandro Villagra detto “Lichi” o anche più semplicemente “Nano”, 41 anni, mediano di mischia argentino di Cordoba (stesso club di Diego Dominguez). Un passato da giocatore a Viadana, Parma (sponda Gran), Prato e da 6 stagioni sulla panchina della Pro Recco in Serie A. Lichi decide di cambiare squadra e campionato, il prossimo anno andrà in Sardegna ad allenare il Capoterra in Serie B.

  • Che ruolo andrai a ricoprire nel Capoterra?
    A  Capoterra sarò allenatore e giocatore.  Sono anni che lo faccio, so che è un ruolo molto difficile ma lo faccio con tanto piacere, e poi sarà l’ultimo perché a 42 anni per forza di cose bisogna smettere di giocare. Per il momento mi sento più bravo a giocare che ad allenare, come allenatore sono all'inizio, devo ancora imparare tantissimo. Questi anni a recco ho imparato tanto ma la strada é ancora lunga.   
  • Lasci Recco dopo 6 anni, sei stato una vera e propria bandiera del club ligure
    Lascio Recco dopo 6 fantastici anni, a Recco ho iniziato solo come giocatore, dopo qualche anno sono passato a fare il doppio ruolo, come ti dicevo prima è ruolo difficilissimo, anche se a volte ti rendi conto di tante cose in più dentro al campo, cose che da fuori magari non vedi. Però è difficile, devi cercare un certo equilibrio tra giocatori, amici e allievi. Ma penso di aver fatto abbastanza bene. 
    Non so se sono stato una bandiera di Recco, non sta a me dirlo. Io sinceramente sono uno con tanto carattere, visto che con il fisico non ci arrivo cerco di nascondermi dietro al carattere. Ci metto l'anima in ogni partita e questo penso sia stato il mio forte. 
  • Perché Capoterra, cosa ti ha convinto a fare questa scelta?
    Ho scelto Capoterra perché mi sono sentito un paio di volte con il loro presidente Carlo Baire, ci siamo visti di persona quando andai a giocare con gli Italian Classic contro il il Sudafrica, è un pò di tempo che ci pensavo. L'ho fatto ora perché posso ancora giocare l'ultima stagione e quindi mi piaceva la idea di farmi conoscere in un nuovo posto anche come giocatore, non solo come allenatore. Quindi mi sono detto "ora o mai più”. Anche se sono sincero, pensavo di finire la mia carriera a Recco. Dopo sei anni finire la mia carriera li sarebbe stata una bella cosa. Ma va bene così. 
  • Il rugby in Sardegna potrebbe essere ancor più difficoltoso che in Liguria (strutture, giocatori, poche squadre), cosa pensi a tal proposito?
    Lo so, sono consapevole di tutto ciò. Però ti dico una cosa. Mi piacciono le sfide. Bisogna lavorare molto e mi piace farlo. Spero di riuscire a fare qualcosa di bello.  Spero di divertirmi ancora.  Credo sia fondamentale il divertimento per continuare a giocare a 41 anni. Parte una nuova sfida e la accetto molto volentieri.

 

Foto Sara Bonfiglioli

notizie correlate

Mirco Bergamasco fa il salto di categoria in Francia

Mirco Bergamasco fa il salto di categoria in Francia

L’ex trequarti azzurro allenerà il Soyaux-Angoulême in PROD2
Fabien Galthié affiancherà Jacques Brunel con l’obbiettivo dei Mondiali 2023

Fabien Galthié affiancherà Jacques Brunel con l’obbiettivo dei Mondiali 2023

La Francia allarga lo staff tecnico ingaggiando l’ex mediano e capitano dei Bleus
Movimenti di mercato tra Zebre Rugby e Top12

Movimenti di mercato tra Zebre Rugby e Top12

Indiscrezioni su partenze e arrivi dalla franchigia federale
Benetton Rugby: salutano Gori, De Marchi e Barbieri, in arrivo Trussardy

Benetton Rugby: salutano Gori, De Marchi e Barbieri, in arrivo Trussardy

Grandi partenze e arrivi nel mercato del Benetton Rugby
Zebre Rugby: ingaggiato il pilone Alexandru Tarus

Zebre Rugby: ingaggiato il pilone Alexandru Tarus

Il pilone rumeno rinuncia alla Nazionale per il contratto con le Zebre
Franco Smith il prossimo allenatore dell’Italia?

Franco Smith il prossimo allenatore dell’Italia?

In Sudafrica le indiscrezioni danno l’attuale tecnico dei Cheetahs in partenza
Quattro vertebre rotte, ma il giudice sportivo respinge il ricorso

Quattro vertebre rotte, ma il giudice sportivo respinge il ricorso

Il placcaggio era corretto, si chiude con un nulla di fatto la richiesta di Ludovico Gui

Rugby Win

ultime notizie di Mercato

notizie più cliccate di Mercato