1 anno fa 05/02/2019 09:45

Scozia -Italia: la visione che cambia le cose

Cambierà mai questa Italia del rugby?

In Scozia è andata in scena una partita che gli appassionati di rugby hanno ormai visto decine di volte negli ultimi dieci anni. La nostra Nazionale maschile non riesce a maturare un’identità che si trasformi sul campo in un gioco strutturato ed efficace, in più da tempo non riesce a mostrare una difesa capace di mettere una reale pressione agli attacchi avversari.

Nella frustrazione del fine partita, tifosi e addetti ai lavori cercano le cause dell’incapacità dell’intero movimento maschile di essere competitivo ad altissimo livello, si fanno domande e spesso si rispondono da soli. Già prima del match con la Scozia giornalisti, commentatori ed ex dirigenti hanno detto la loro su questo tema, trovandosi d’accordo su un punto: in Italia non si investe sulla formazione dei giocatori e nemmeno su quella dei tecnici.

Io farei un passo indietro, ripartendo dalla famosa citazione di Albert Einstein che, in verità, esprimeva in quel caso solo un concetto di buon senso: Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a comportarci nel solito modo”.

Dov’è che la Nazionale dovrebbe cambiare davvero, da subito, per migliorare i risultati, nonostante il ricambio generazionale, nonostante Parisse, nonostante giocatori apprezzati a livello internazionale, nonostante uno staff che definire “incompetente” è da pazzi?

Nell’immediato, in almeno due cose.

La prima riguarda la gestione delle partite. Continuiamo a vedere una squadra che fatica a reagire alle difficoltà e che non riesce a interpretare i trend, che non riesce mai a trovare la strada per mettere pressione in modo continuativo agli avversari (l’unico modo per vincere, oggi, a livello internazionale).

La seconda riguarda la retorica dell’impegno e della volontà. Nessuno può mettere in dubbio che i tanti giocatori che si sono alternati in Nazionale negli ultimi si siano impegnati per dare il massimo. Sarebbe l’ora però di realizzare che voler dare il massimo non equivale automaticamente a riuscirci. Non è solo questione di abilità e di volontà, ma anche di capacità di trasformarli in prestazione.

Sì, sicuramente è una questione di formazione, ma non forse come viene intesa da illustri commentatori. E’ una questione di visione, cioè di inquadrare il gioco del rugby come un gioco estremamente complesso soprattutto dal punto di vista mentale. Senza questa consapevolezza, che in molti altri paesi rugbistici è una solida realtà, difficilmente faremo ulteriori progressi perché qualsiasi abilità eccellente puo’ diventare goffa e inutile se il giocatore non sa rimanere con la testa sul campo in modo lucido e consapevole.

La nostra Nazionale maschile ha dunque bisogno di strutturare sul campo dei propri riti consolidati, di squadra, che ne costituiscano ogni fase di gioco e che pongano la base per quello che O’Shea ha sempre invocato: la capacità dei giocatori di rimanere concentrati esclusivamente sulla loro prestazione. Questo può e dovrebbe essere fatto subito.

 

 

Risultati e classifica della 1° giornata di Guinness Sei Nazioni 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Pino Fama

 

 

La cover della tua squadra di rugby solo nello shop di Rugbymeet

Lorenzo Romoli  1 anno fa

Condivido a pieno quanto esposto da Stefano Nicoletti... Non mi esprimo in termini tecnici anche se ho le mie personali opinioni in merito, ma invece andando dietro al ragionamento di Stefano, mi permetto di insistere sul fatto che poiché per deformazione professionale guardo le partite con un occhio diverso, agli atteggiamenti , espressioni e modi di fare dei giocatori in campo… ed allora noto ad esempio che non raramente capita di vedere giocatori come assenti rispetto allo svolgersi delle azioni, al contrario dei nostri avversari che invece hanno chiaro lo scopo per il quale sono lì in campo... fare tante mete e vincere. Il Rugby non è uno sport che si presta alla melina di stampo calcisitico, tant'è che quando gli azzurri "si son svegliati" ho avuto come la sensazione che di contro gli scozzesi sembravano quasi rinunciare, forse appagati, forse stanchi... "partita finita quando arbitro fischia", diceva un grande allenatore che di stili motivazionali se ne intendeva parecchio, Vujaidin Boskow. Tecnicamente sono preparati, i fondamentali li sanno, ma anche se la nostra Nazionale è imbottita di giocatori che nei rispettivi club giocano in campionati importanti, personalità e atti posti in essere dai Ghilardini Parisse e Campagnaro, saltano all’occhio per efficacia, ma… sono troppo isolati poco corali, con poco seguito da pate dei compagni. Penso che fino a quando non si accenderà la “lampadina della concretezza motivante”, i nostri portabandiera non ne usciranno che sconfitti da questi match così pesanti... Vedremo sabato a Roma cosa succede…

notizie correlate

Rugby Nations Cup d’Autunno: il programma dei test match

Rugby Nations Cup d’Autunno: il programma dei test match

Scozia, Fiji e Francia le avversarie dell’Italia
Georgia o Giappone, chi completerà il torneo “8 Nazioni”?

Georgia o Giappone, chi completerà il torneo “8 Nazioni”?

Due squadre per un solo posto. Favoriti gli europei per motivi legati alla pandemia
Italia: oggi a Parma l’allenamento congiunto con il Valorugby Emilia

Italia: oggi a Parma l’allenamento congiunto con il Valorugby Emilia

Ospiti al raduno dell’Italrugby i reggiani di Roberto Manghi
Italia al lavoro a Parma in preparazione del 6 Nazioni

Italia al lavoro a Parma in preparazione del 6 Nazioni

De Carli “I due derby di PRO14 hanno fornito indicazioni importanti”
Tutti i test match Autunnali... che non vedremo

Tutti i test match Autunnali... che non vedremo

Quest anno gli Autumn Internationals ci saranno... ma tante partite interessanti sono state cancellate
Allrugby spegne 150 candeline

Allrugby spegne 150 candeline

In edicola e in digitale il nuovo numero con interviste a Ezio Galon, Andrea Moretti e Gordon McRorie
Italia : 33 convocati al prossimo raduno, 8 gli esordienti

Italia : 33 convocati al prossimo raduno, 8 gli esordienti

Tra gli invitati Leonardo Ghiraldini e Monty Ioane
All Blacks - Italia nel 2021

All Blacks - Italia nel 2021

Gli azzurri potrebbero sfidare i tutti neri nel down under

ultime notizie di Mental Coach

notizie più cliccate di Mental Coach