2 anni fa 18/03/2017 08:10

OvalMente: leadership, i buoni e i cattivi esempi

Il “mistero del secondo tempo” dell'Italrugby

Diciamoci la verità: nella vita di tutti i giorni non siamo esattamente circondati da esempi illuminanti di leadership. Anzi, quando sentiamo qualcuno pronunciare questa sfuggente parola inglese, leadership, abbiamo tutte le ragioni per preoccuparci e preparare una scusa qualsiasi per allontanarci il più possibile da chi l'ha pronunciata. Il fatto è che, sia che si tratti di vita pubblica, di imprenditoria o di altri ambienti sociali, chi viene additato (o chi si auto-nomina) come leader è spesso molto lontano dai due concetti fondanti di responsabilità e gestione del rischio.

Falso leader è spesso chi impone agli altri il peso delle responsabilità, prontissimo a cogliere eventuali frutti così come a cercare eventuali colpevoli.

Caratteristica evidente del falso leader è quindi quella di star lontano dai rischi, adocchiandoli ogni tanto solo con un potente binocolo.

In questo, lo sport e la vita hanno moltissimi punti in comune.

Come è stato scosso, questo nostro scetticismo, guardando l'Italia affrontare una delle due squadre più in forma del mondo, l'Inghilterra, nella incredibile cornice di Twickenham! Disabituati a veder applicati concretamente i concetti descritti poc'anzi, la strategia preparata dallo staff italiano e applicata con diligenza dalla squadra ha avuto l'effetto immediato di risvegliare l'orgoglio di giocatori e tifosi.

Abbiamo visto infatti uno staff che si è preso responsabilità e rischi di una strategia nuova, affrontando serenamente un cambiamento epocale non solo per la nostra nazionale, ma forse (come sostiene qualcuno con calcolata esagerazione) per tutto il movimento rugbistico.

Si è visto concretamente applicato il mantra di Conor O'Shea: a me le responsabilità complessive, ai giocatori quelle dei singoli gesti e delle singole prestazioni. Del resto, come scuotere una squadra attanagliata dal pensiero della sconfitta, se non fornendo un buon esempio di come si può cercare di cambiare, con coraggio e serenità assieme?

Dall'altro lato del campo, cioè da quello inglese, sono arrivate conferme ancor più brillanti di quello che vado scrivendo in questa rubrica ormai da alcuni mesi e che i lettori più assidui avranno ormai imparato a riconoscere. Se la prestazione ottimale si raggiunge riuscendo a concentrarsi esclusivamente sui singoli gesti, allora è possibile renderla irraggiungibile agli avversari fornendo loro una “distrazione” tanto potente quanto la loro concentrazione.

Analizzando invece la prestazione italiana con la Francia, ci siamo ritrovati davanti a un solito, ottimo primo tempo che si è subito sciolto al sole romano dopo il rientro dagli spogliatoi. Perché questo italianissimo “mistero del secondo tempo”?

Il principio sottostante può essere proprio quello della distrazione poc'anzi menzionata. Distogliersi anche solo per pochi minuti dall'applicazione di un compito complesso può rompere quella magia fatta di un mix delicatissimo di concentrazione e di giusto livello tensione.

Per chi è sotto pressione e per chi fatica a metterlo insieme, ritrovare le giuste dosi di quel mix può diventare molto difficile. 

Non per altro, in molti altri sport il “time out” è tutt'altro che un momento di riposo: è spesso un momento per tentare di incrinare le rinnovate certezze degli avversari. 

 

Foto Fotosportit

notizie correlate

Silvia Turani: “il rugby mi ha sconvolto la vita”

Silvia Turani: “il rugby mi ha sconvolto la vita”

Prima la bulimia e l’anoressia, poi il rugby: “il mio corpo è diventato un mezzo e non un fine”
Perché siamo tutti Lovotti

Perché siamo tutti Lovotti

Il significato di sostegno nel rugby
Panico da Mondiali? Gestiscilo così

Panico da Mondiali? Gestiscilo così

Quando le emozioni ci sovrastano gestiscile con la Dialectical Behavioural Therapy
I ragazzi e lo sport, come evitare l'abbandono

I ragazzi e lo sport, come evitare l'abbandono

Uno studio comparato ci indica la strada
Rugby: Le occasioni d’oro del ritiro pre stagione

Rugby: Le occasioni d’oro del ritiro pre stagione

Preparare mentalmente la squadra per l’inizio di stagione
La meditazione del rugbista

La meditazione del rugbista

Un esercizio per la preparazione estiva
Zebre Rugby e Giovanbattista Venditti rescindono il contratto

Zebre Rugby e Giovanbattista Venditti rescindono il contratto

Risoluzione anticipata con il giocatore che nelle ultime stagioni era sparito dai fogli gara

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Mental Coach

notizie più cliccate di Mental Coach