2 anni fa 08/06/2017 16:33

Italia U20 nelle migliori 8 al mondo, risultato storico

Ma la sconfitta con la Scozia….

Sicuramente inaspettata è arrivata la notizia della batosta rimediata dall’Argentina per mano del Sud Africa (14-72 ), un risultato pesante che, unito allo scarto minimo della sconfitta italiana con la Scozia per 17-16… Udite udite: ci fa entrare di fatto tra le migliori 8 al mondo!  -48 la differenza punti dei Pumitas contro i -42 degli azzurrini.
L’Italia U20 di Troncon e Orlandi giocherà i playoff per le posizioni dal 5° all’8°, risultato storico. Mai una selezione azzurra U20 aveva fatto meglio.

Risultati e classifiche del World Rugby U20 Championship

Ora però analizziamo la partita con la Scozia:

Tanto per restare in tema, e detto che i dubbi sulla validità (ostruzione?) della meta scozzese che ha deciso il match permangono, ho deciso di archiviare il 16-17 georgiano che ha condannato la giovane Italia di Castoro Troncon al terzo e inutile (se non per la permanenza nel girone di quelli forti, che non è poco) posto nel girone, alla lettera N. Enne come Nairn, l'ala destra della Scozia autore della prima marcatura con una delle più classiche azioni individuali. Dopo aver ricevuto una pallaccia (rivedansi linee di corsa e qualità dei primi due passaggi al largo, nefandi, a dir poco) in situazione di 1c1, con il difensore italiano a occupare il binario. A questo punto Nairn, da solo, o meglio, con la quantità industriale di reattività che abita nelle sue caviglie e di potenza domiciliata nelle sue gambe, si fuma con un cambio di passo all'interno il diretto avversario (il nostro estremo), per poi allargare a destra, rendere vano il placcaggio laterale e basso del secondo azzurro accorso, annullare con la medesima esecuzione (compasso largo, baricentro abbassato e piede che pesta forte a terra) il tentativo del terzo, prima di planare oltre la linea bianca fra i meritati applausi.

Il sopranominato Nairn, che di nome fa Robbie, nato a Livington nel febbraio del 1997, educato alla Currie Community High School di Edinburgo, alto 192 cm per poco più di un quintale di peso è uno di quei "famosi/classici" esempi di talento naturale catturato dal rugby, in un paese come la Scozia che conta poco più di 5 milioni di abitanti, femmine, neonati e anziani compresi. Ribadisco il concetto espresso qualche giorno fa sulle colonne di questo sito: di gente di vent'anni, con le qualità atletiche (in questo caso la reattività di caviglie e la potenza degli arti inferiori) e le misure di Robbie Nairn, in Italia ce n'è. E anche più d'una. Il problema (nostro) è che, per trovarli, dovremmo girare per i campi di calcio di prima o seconda categoria (non serve scomodare il pallone professionale) e dare un'occhiata a portieri e centrali difensivi, o nelle palestre dove si gioca a pallamano e a basket, ai bordi di qualche piscina (pallanuoto), o seguire una o due corse in bici di dilettanti (anche non di Elite). Ne troveremmo quasi dappertutto, insomma, tranne che su un campo da rugby. 

È questo che ci frega, è non è una colpa, sia chiaro. Ma il manifestarsi di una crisi, la sua spiegazione. A meno che qualcuno non ritenga che "con i giusti esercizi in allenamento" e non so dire con "quale diavoleria didattico-sperimentale", di un soggetto non dotato del corredo di doti naturali del nostro Robbie, si possa "costruire" qualcosa che sul campo ne pareggi la qualità e l'efficacia. Padroni di pensarlo, e di ritenere che tutto possa essere generato da un buon allenamento e da un grande allenatore. Ma vi informo: purtroppo per noi e per le speranze del nostro rugby, non è così. Ed è questa, in ultima e definitiva analisi, la ragione per cui una Nazione di 65 milioni di abitanti non riesce a battere l'equivalente di mezza Lombardia. Rinnovo l'invito: occorre raffinare e potenziare la fase di reclutamento. Nel tentativo di invertire la tendenza per cui, da noi, due fratelli in tutto e per tutto identici a Richie e Jonny Gray (tanto per restare oltre i vallo di Adriano), sarebbero finiti a giocare a pallacanestro in qualche C2 o C1 a 500 euro/mese in nero, o in qualche serie B di volley per lo stesso micragnoso rimborso spese. O in una formazione di Lega Pro del pallone rotondo, a fare i portieri.

 

Risultati e classifiche del World Rugby U20 Championship

Foto @WorldRugby

Riccardo Greppi  2 anni fa

Ma così non si ricade nel famoso "progetto altezza" che tanto è stato denigrato? Portando nelle serie più apre involucri dai kili e cm giusti, ma completamente avulsi dal punto di vista tecnico e tattico. Inoltre, il rugby in Italia quanto può dare in più dei micragnosi 500€? Abbiamo solo l'eccellenza come professionismo è da quel che so i rimborsi spesa non sono molto meglio... Da noi Shane Williams sarebbe in un polveroso campetto di C a fare il fenomeno, con gente che gli direbbe: "peccato, saresti bravo, ma sei troppo basso!"

Davide Ghilardi  2 anni fa

Secondo me no perché chi ha scritto l'articolo ha preso d'esempio Nairn perché protagonista di quest'ultima partita. Se ad aver fatto questa prodezza fosse stato un'ala di 1.80/1.83 si poteva fare lo stesso tipo di ragionamento. Il concetto è che la FIR deve per forza redistribuire meglio i fondi per la formazione e il reclutamento dei ragazzi, cosa che ha fatto malissimo da anni a questa parte

Samuele Bartolini  2 anni fa

Questi ragazzi sono il meglio che le Accademie hanno prodotto in questi 10 anni di attività, per capirci sono gli ex U18 di Brunello. Fino ad ora 0 partite vinte al 6 Nazioni e 1 al mondiale, non sono risultati buoni. E' ora di cambiare strada forse?

Kristian Gatta  2 anni fa

non sono d'accordo. Il traguardo è storico, ma noi siamo sempre pronti a bastonarci sui denti, I ragazzi hanno meritato di essere dove sono. Senza se e senza ma. Perchè abbiamo sempre imprecato contro la malasorte e ora che, poste comunque le condizioni ottimali, ci gira bene, NO, è tutto da rifare? Sono forse i primi ragazzi che completano il percorso delle fasi di formazione mirata alla u14 alla u20. COMPLIMENTI AI RAGAZZI E AVANTI A TESTA BASSA!

Luca Tavernese  2 anni fa

Le considerazioni finali fatte nell'articolo mi vedono concorde, la crescita del movimento passa sopratutto dal reclutamento, fino a qualche anno fa l'età media di chi si approcciava al rugby era di molto più alta rispetto ad ora, e comunque il rugby molto spesso veniva visto come sport di ripiego, non sono pravo a dribblare vado a fare sportellate a rugby, non so palleggiare vado a dare qualche bella randellata in mischia. Oggi le cose sono un po diverse riusciamo a lavorare anche noi nelle scuole e diamo ai ragazzi un'altra alternativa da sceglier, non siamo più un ripiego. Se un bambino comincia a fare rugby a 6/8 anni magari sceglie di farlo perchè gli piace. Quindi riesci ad "arruolare" magari anche chi motoriamente è dotato.

Tommaso Dassi  2 anni fa

Questo articolo è arretrato di circa una decina d'anni.. chi vive in provincia sa che squadre di club scompaiono ogni anno anche nel calcio.. di fronte a questa crisi dello sport, delle nascite e del sistema paese in generale tutto sommato il rugby tiene botta..

notizie correlate

Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Il giovane trequarti del Rugby Rovigo si aggiudica il Premio Giorgio Sbrocco
Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Premio dedicato a Giorgio Sbrocco, ecco i 15 candidati
In memoriam di... chi ha passato la palla nel 2018

In memoriam di... chi ha passato la palla nel 2018

I rugbysti che ci hanno lasciati quest anno
Petrarca Rugby campione: la dedica è a Giorgio Sbrocco

Petrarca Rugby campione: la dedica è a Giorgio Sbrocco

Marcato “Siamo un gruppo di fratelli, questa è la nostra forza”
Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Il giovane terza linea del Petrarca si aggiudica il primo Rugbymeet Award
In centinaia per l’ultimo saluto a Giorgio Sbrocco

In centinaia per l’ultimo saluto a Giorgio Sbrocco

Aperta una sottoscrizione per opere benefiche destinate al Wheelchair Rugby e Alessandro Battistin
Italia U20: i 28 convocati per il primo raduno della stagione 2019/20

Italia U20: i 28 convocati per il primo raduno della stagione 2019/20

In programma cinque allenamenti contrapposti alle Zebre Rugby

ultime notizie di Junior Rugby World Cup

notizie più cliccate di Junior Rugby World Cup