3 mesi fa 13/03/2020 14:20

Mark Ella: il futuro del rugby è nell’emisfero sud

Ella non è un fan del Sei Nazioni e lancia un messaggio all’Italia: “meno Francia, più Nuova Zelanda e Sudafrica”.

Mark Gordon Ella è nato a Sydney il 5 giugno 1959, l’ex stella dei Wallabies è tutt’ora considerato uno dei maggiori talenti all time del rugby australiano, dal 1988 al 1995 ha vestito la maglia del glorioso Milan, prima da giocatore e poi da allenatore.

L’intervista a Mark Ella è contenuta su Allrugby numero 143

 

“Come tutti, dopo che l’Inghilterra ha vinto con gli All Blacks ero convinto che avrebbe battuto anche i sudafricani in finale. Invece gli Springboks si sono meritati il titolo di miglior squadra al mondo: resilienti, metodici, nella loro vittoria non c’è traccia - evidente - di fortuna”. Il Mondiale giapponese è finito da un pezzo ma se si chiacchiera con Mark Ella non può che tornare un argomento di attualità, dato che il vero sconfitto dalla tenzone è proprio un suo caro amico, Eddie Jones: “Nel rugby moderno la differenza tra vincere e perdere è spesso responsabilità del coach. E Erasmus ha messo nel sacco Eddie, non c’è dubbio. Ma penso che l’Inghilterra si rifarà subito nel Sei Nazioni, sono i miei favoriti per la vittoria finale”.

Mark, non ne fa mistero, non ama il “torneo più antico del mondo”, ma in generale non è un big fan del rugby attuale: “cosa potete aspettarvi da uno come me? Im- maginate il gioco che ho frequentato e paragoniamolo a quello attuale: per me ci sono troppe punizioni, troppe mischie che collassano, troppi calci, soprattutto da parte dei mediani di mischia. A me talvolta viene da dormire con tutte queste corse per il campo che non portano a niente. Potrei andare avanti all’infinito ma preferisco finirla qui”.

E l’Italia?
“Come sapete, ho un enorme rispetto per il rugby italiano e sono deluso dal fatto che non sia cresciuto tanto quanto mi sarei aspettato. Credo voi siate troppo influenzati dalla Francia, un rapporto che a volte ha funzionato altre no. Penso che gli Azzurri abbiano bisogno di identificare il loro stile al posto di replicare un altro modello. Secondo me, la Fir dovrebbe puntare su approccio al gioco più australe, in grado di esprimere uno stile più chiaro ed esplicito. Anche perché sarà il futuro: il rugby europeo ha fatto molta strada negli ultimi anni, ma credo che l’emisfero sud, in particolare la Nuova Zelanda e il Sudafrica, migliorerà ancora stabilendo gli standard del rugby di domani. Ma prima di tutto questo, voi italiani avete disperatamente bisogno di better skills. In tutte le aree di gioco. Altrimenti non è possibile colmare il gap con le altre squadre di tier1”.


Credo voi siate troppo influenzati dalla Francia, un rapporto che a volte ha funzionato altre no. Penso che gli Azzurri abbiano bisogno di identificare
il loro stile al posto di replicare un altro modello. Secondo me, la Fir dovrebbe puntare su approccio al gioco più “australe”, in grado di esprimere uno stile più chiaro ed esplicito.


Ovviamente la conversazione con Ella non è limitata al gioco ma affronta anche il regolamento e l’invito a prendere provvedimenti è ovviamente rivolto a World Rugby, non ai protagonisti sul campo: “Molte regole creano confusione, non è un bene per gli addetti ai lavori e gli spettatori. Ma mi fermo qui: apparentemente ci sono tante persone sveglie e preparate che sono pagate per farlo che è inutile fornire stupide opinioni in merito”. L’unica concessione che Mark fa è destinata ai cartellini, protagonisti loro malgrado di Argentina v Inghilterra nella fase ai gironi del Mondiale e di Galles - Francia nei quarti. Anche lui è allineato con il partito di chi vorrebbe una sorta di cartellino “arancione”:  “Ai miei tempi essere espulsi era una rarità, ma non esistevano neanche i cartellini gialli. Però con la scusa della sicurezza il gioco sta diventando più confuso e le continue penalità rendono il rugby più difficile da guardare. Sicuramente arbitrare oggi è più complicato di ieri ma a volte vorrei si potesse distinguere maggiormente tra accidentalità e intenzionalità, magari trovando modalità alternative di penalizzazione. Ovvio gli high tackle vanno eradicati però evitiamo anche che il TMO e gli arbitri trasformino la partita in una continua videoanalisi: a volte si penalizzano i giocatori per episodi accidentali e chi ne fa le spese è il gioco, in termini di spettacolo”.

Ma il rugby si sta evolvendo?

“È una buona domanda: non credo che il gioco stia facendo passi in avanti. Abbiamo visto grandi match, grandi prestazioni a livello di collettivo ma le migliori cose sono arrivate dai minnows (le squadre di livello più basso, ndr): le squadre di tier 2 stanno migliorando, il che è fantastico, ma non è necessariamente causato dall’operato di World Rugby. Lasciando però da parte il gioco penso che Giappone 2019 sia stata un’edizione meravigliosa proprio perché al di fuori delle tradizionali nazioni del rugby. Il supporto della popolazione è stato al di sopra di ogni aspettativa e penso che la federazione internazionale dovrebbe seguire l’esempio e dopo Francia 2023 andare alla scoperta del continente americano: Argentina e Stati Uniti potrebbero essere le mete ideali”.

In conclusione non potevamo non toccare l’argomento Australia, una delle grandi deluse del mondiale, anche se l’uscita ai quarti - alla luce delle problematiche e del percorso di avvicinamento - era prevedibile. “Semplicemente non eravamo nel lotto delle squadre che per abilità e profondità potevano arrivare in fondo. È stato triste rendersene conto ma non avevamo proprio un team in grado di vincere. E ora ci aspetta un lungo periodo di ricostruzione, un quadriennio almeno. Anche perché il rugby nel nostro paese sta facendo ogni giorno passi indietro”.

 

 

Il mensile Allrugby è acquistabile in edicola e nello shop Rugbymeet

 

 

Clicca qui per l'abbonamento annuale alla rivista Allrugby

 

 

Clicca qui per acquistare Allrugby in versione cartacea e in formato pdf

Michele Morra  3 mesi fa

Secondo Mark Ella dovremmo provare a somigliare ai Sudafricani o ai Neozelandesi?Ma era sobrio durante l'intervista?Come se il loro gioco fosse una cosa semplice da replicare.E poi parla di "better skills" come se fossero cose che si trovano sugli scaffali del supermercato.Purtroppo ha ragione,ma senza le skills non si può nemmeno lontanamente pensare di replicare lo stile di gioco dell'emisfero sud e bisogna fare sempre i conti con la cronica arretratezza sul fitness che tutto il nostro movimento continua ad avere,nazionale in testa.Non sono d'accordo con quanto detto sul mondiale dell'Australia,secondo me avevano una squadra competitiva ma organizzata meno bene delle altre e a certi livelli ci vuole organizzazione ed anche un pò di fortuna che l'Australia non ha mai avuto durante il suo mondiale,anzi.

notizie correlate

E’ uscito Allrugby 149: 25 anni di era Pro

E’ uscito Allrugby 149: 25 anni di era Pro

Il XV dell’era professionistica. Interviste a Diego Dominguez e Gonzalo Canale
Allrugby Podcast: le città del rugby italiano

Allrugby Podcast: le città del rugby italiano

Ospiti Stefano Bettarello, Giulio Bisegni e Marco Pastonesi
È disponibile Allrugby 148: l'attesa

È disponibile Allrugby 148: l'attesa

Interviste a Antonio Rizzi, Daniele Pacini, Matteo Mazzantini, Sergio Carnovali, Matteo Mizzon, Pietro Parigi
Dalla terza alla prima linea: i giorni in trincea di Maxime Mbandà

Dalla terza alla prima linea: i giorni in trincea di Maxime Mbandà

Mbandà racconta la sua esperienza da volontario contro il covid-19
Riccardo Brugnara: metti un Tiger nel motore

Riccardo Brugnara: metti un Tiger nel motore

Da Rovigo a Calvisano, dopo sei stagioni con i Leicester Tigers. Riccardo Brugnara fa le carte al Top12.
Niccolò Zago: l'onore di famiglia

Niccolò Zago: l'onore di famiglia

Zago, pilone come suo padre, ha scelto le Fiamme Oro per fare un passo avanti nella carriera.
Davide Ruggeri: non siamo mica calciatori...

Davide Ruggeri: non siamo mica calciatori...

Come da trequarti a terza linea il passo può essere breve
È uscito Allrugby 147: rugby in stand by

È uscito Allrugby 147: rugby in stand by

Interviste al presidente Fir Alfredo Gavazzi, Edoardo Gori, Guido Pattarini, Alfredo Biagini, Alberto Marusso, Alessandro Corbetta e Nicolò Pagotto

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale