12 giorni fa 07/09/2019 10:23

Gli Springboks del 1995, una nazionale "maledetta"

I Campioni del Mondo che fecero la storia di un paese, ma quante tragedie da lì in poi

Conosciamo un pò tutti la Maledizione di Tutankhamon. Nel 1922 Lord Carnavon, un nobile inglese, organizza una spedizione in Egitto per riportare alla luce i tesori custoditi nella labirintica tomba del giovane faraone della XVIII dinastia. Negli anni seguenti tutti coloro che furono coinvolti, direttamente o meno, nella spedizione morirono. Aldilà della trovata pubblicitaria, i decessi furono delle coincidenze, per di più legati a tanti fattori, che vanno aldilà della leggenda.

Onestamente è angosciante vedere gli innumerevoli casi di cronaca, e di morti, che hanno colpito la nazionale sudafricana campione del Mondo del 1995. Gli Springboks di Mandela, quelli che hanno simboleggiato l'unità di un paese, metaforicamente sono diventati la vittima sacrificale che ha consentito la nascita della Rainbow Nations. Ieri l'ennesimo decesso, quello della leggenda Chester Williams. Un infarto lo ha portato via a soli 49 anni. 

Negli anni si è parlato a lungo del doping nel rugby degli anni '80 e '90, e gli Springboks non furono esclusi da aspre critiche. Nulla esclude che i decessi del passato siano legati proprio all'abuso di sostanze illecite.

Nel 2001 Joost van der Westhuizen scopre di essere affeto da SLA, morirà nel 2017 a 46 anni. Anni prima, nel 2010, il terza linea Ruben Kruger muore per un tumore al cervello. Lo scorso luglio muore un altro campione di quella nazionale, James Small. Altro infarto.

E poi fatti di cronaca nera. Nel 2007 l'ex tallonatore James Dalton tentò di uccidere la moglie nella vasca da bagno di casa. Nel 2010 iniziò il processo a suo carico. La coppia si era separata già nel 2009. Il 30 novembre 2018 l'altro tallonatore, Naka Drotské, è vittima di una rapina a mano armata in casa del fratello, durante il quale viene colpito da un proiettile. Si riprenderà dopo un mese di terapia intensiva.

Per non parlare del calvario di Jacobus Mulder: l'ex tre quarti ala, nel 2005, fu accusato di violenza sessuale su di una ragazza minorenne. Dopo aver confessato il fatto, nel 2009 fu condannato a 3 anni di reclusione e al pagamento di una multa di 11.000 dollari. Nel 2009, durante il periodo del processo, fu anche vittima di un sequestro di persona assieme alla sua famiglia, quando dei criminali li portarono in un posto isolato, rubarono la sua carta bancomat e la sua auto.

 

Foto South China Morning Post

 

Scopri la nuova liena di palloni RM

notizie correlate

Il Tolone batte il Racing di misura, tracollo per lo Stade Français [VIDEO]

Il Tolone batte il Racing di misura, tracollo per lo Stade Français [VIDEO]

I risultati e gli highlights della 4° giornata di Top14, fine settimana di pausa in vista del Mondiale
RWC 2019, un analista prevede la vittoria del Galles

RWC 2019, un analista prevede la vittoria del Galles

Secondo un data analyst la finale sarà Galles-All Blacks, e vinceranno i Dragoni
Gareth Thomas è sieropositivo

Gareth Thomas è sieropositivo

L'ex capitano del Galles ha dichiarato su Twitter di aver contratto il virus dell'HIV
Conor O'Shea "Il nostro obiettivo sono le partite con Namibia e Canada"

Conor O'Shea "Il nostro obiettivo sono le partite con Namibia e Canada"

Gli Azzurri hanno ricevuto il cap Mondiale che contraddistingue l'inizio della Rugby World Cup
Gli stemmi della RWC 2019: il borjgali della Georgia

Gli stemmi della RWC 2019: il borjgali della Georgia

Il simbolo della Georgia è un sole stilizzato, e appare anche sulle monete
Da Londra a Tokyo in bici per la Rugby World Cup [VIDEO]

Da Londra a Tokyo in bici per la Rugby World Cup [VIDEO]

Ron Rutland e James Owens sono in viaggio dal 2 febbraio, ormai il traguardo è vicino
Rugby World Cup 2019: Acrobati e giocolieri

Rugby World Cup 2019: Acrobati e giocolieri

Interpreti e personaggi della Coppa del Mondo di Rugby

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale