8 mesi fa 09/09/2019 17:10

Francesco Minto e la nuova avventura con l’Accademia di Ealing

L’intervista all’ex terza linea con 39 caps in maglia azzurra

Francesco Minto, nato a Mirano il 20 maggio 1987, si è trasferito in Inghilterra per iniziare la sua nuova carriera da allenatore. In carriera l’ex terza linea ha disputato 4 campionati di Super10 (prima si chiamava così la massima serie) con l’Overmach Rugby Parma per poi approdare alla Benetton Treviso con cui ha disputato 8 stagioni, dal 2010 al 2018, giocando 88 partite e segnando 6 mete. 39 i caps con l’Italia di cui uno da capitano. L’ultima stagione Minto la ha vissuta a Firenze dove ha intrapreso il ruolo di allenatore delle touches e del movimento generale della difesa dei Medicei nel doppio ruolo di allenatore/giocatore. L’intervista:

 

Hai deciso di appendere gli scarpini al chiodo a giugno per diventare allenatore, che squadra e in che serie allenerai in Inghilterra?

“Sto seguendo l’Accademia di Ealing, ci alleniamo presso gli impianti della Brunel University di Londra. Io faccio da assistente al capo allenatore Gareth Rise, lui segue la gestione dei giocatori, alcuni fanno parte dell’accademia senior e avranno l’opportunità di giocare con la prima squadra. La loro settimana vede allenamenti il lunedì e il martedì, il mercoledì la partita, giovedì tornano al club con cui giocano il sabato, mentre il venerdì mattina saranno ancora in università per seguire un’altra sessione di allenamento in ottime strutture, indispensabili per la loro crescita. Giocando sia con l’accademia che con il club hanno maggior opportunità di fare minutaggio.”

 

Che ruolo hai nello specifico?

“Mi hanno inserito a fianco dell’allenatore della prima squadra che segue gli avanti dell’accademia, con lui faccio le touche e tutto il lavoro sul breakdown. Gli allenatori si cambiano spesso i ruoli, ma io per ora sono partito dagli avanti e poi a dicembre mi daranno altre opportunità per imparare al meglio il ruolo dell’allenatore a 360 gradi.”

 

Cosa pensi di questo primo periodo con l’Accademia di Ealing?

“Questa scelta è stata molto buona. A Firenze facevo touche e difesa, dunque è un lavoro che ho già fatto, penso che imparando bene la lingua e i loro meccanismi potrò uscire da questa esperienza solo che più preparato. All’interno del club c’è grande collaborazione e c’è bisogno di tutti.”

 

Cosa ti è rimasto dal Top12? Com’è stato il livello rispetto al Pro14?

“C’è grande differenza a livello societario, di preparazione atletica e organizzativo. Mi ha lasciato soddisfatto la qualità dei giocatori e sono sicuro che potrebbero dare molto di più con a disposizione un ambiente più professionale. Il campionato potrebbe essere più sviluppato, sia a livello economico che di gioco. Rovigo è stata l’unica ad esprimere un bel gioco grazie alla loro modalità di attacco ben consolidata, mentre le altre si basavano sui fondamenti del rugby come le fasi statiche di mischia e maul. Oggi i ragazzi che giocano in Top12 non hanno la possibilità di crescere al meglio.”

 

Come si comporterà l’Italia per la Rugby World Cup?

“Per quanto riguarda la coppa del mondo la nostra nazionale non ha una rosa lunghissima quindi non si possono fare grandi scelte sia a livello di formazione che di stile di gioco. Gli stimoli ci sono eccome, tanti ragazzi sono alla prima esperienza al Mondiale, tre all’ultima (Parisse, Zanni e Ghiraldini ndr), giocando spensierati e senza troppa pressione chissà che non riescano ad esprimere al meglio il loro gioco e che non riescano a mettere in campo ottime prestazioni.”

 

 

 

 

Scopri la nuova liena di palloni RM

notizie correlate

“Tagliare le Accademie per salvare il rugby italiano” la proposta di Umberto Casellato

“Tagliare le Accademie per salvare il rugby italiano” la proposta di Umberto Casellato

I costi legati al progetto Accademia non sono più sostenibili, bisogna fare un passo indietro
Allenatori: il Giro di Tecnici dell’alto livello

Allenatori: il Giro di Tecnici dell’alto livello

Aggiornamenti di mercato sulle panchine di Italia, Top12 e Accademia
Vita da coach: Mirco Bergamasco e la formazione francese

Vita da coach: Mirco Bergamasco e la formazione francese

“All’inizio ho fatto l’errore di voler allenare come mi allenavo io da giocatore”
Tre giovani nello staff tecnico della Mogliano Rugby Academy

Tre giovani nello staff tecnico della Mogliano Rugby Academy

Mogliano presenta la squadra di allenatori della sua Academy
Serie A: Darrel Eigner nuovo tecnico del Rugby Casale

Serie A: Darrel Eigner nuovo tecnico del Rugby Casale

Roberto Santamaria vicino all’Accademia Fir
Nasce la Mogliano Rugby Academy

Nasce la Mogliano Rugby Academy

Pronta a partire la seconda alternativa alle Accademie federali
Ian Keatley: "partire con il piede giusto"

Ian Keatley: "partire con il piede giusto"

“Il sistema irlandese funziona perché i giocatori sono pronti prima ancora di arrivare in Accademia”
La riflessione di Umberto Casellato sul campionato di TOP12

La riflessione di Umberto Casellato sul campionato di TOP12

“In Top12 giocano giovani interessanti, ma non diamo meriti alle accademie, i vari Minozzi, Ruzza, Lamaro sarebbero i più forti ugualmente”

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale