1 mese fa|3 mesi fa 10/11/2018 13:39

A Clermont un congresso sulla"concussion"

La commozione cerebrale nello sport, un problema crescente

I problemi di concussion continuano ad essere la bestia nera della maggior parte degli sport da contatto. Dalle arti marziali, al pugilato, dal football americano al rugby, passando per hockey, calcio, ecc. ecc. Nonostante gli interventi degli esperti in neurologia continua ad essere chiara l'assenza di una protezione efficace e completa  contro le concussion, e i danni esse causate nel lungo periodo, 

Negli ultimi due giorni a Clermont si è tenuto un congresso internazionale di neurologia in cui si è discusso a lungo delle conseguenze nel lungo periodo delle commozioni cerebrali e della mancanza di una prevenzione efficace nello sport.

Le Figaro ha riportato questa intervista rilasciata dal dott.Jean Chazal, specialista in neurologia, che ha presentato un quadro alquanto preoccupante.

"Abbiamo pubblicato oltre 400 articoli in materia, il mondo dello sport va sensibilizzato a prendere maggiori misure contro questo problema"

"Le commozioni cerebrali oggi non sono semplici da diagnosticare, anche durante un evento sportivo. Gli effetti si vedono nei giorni successivi: perdita di memoria, vertigini, irritabilità, cefalea. Col tempo l'accumulo di commozioni cerebrali provoca emicranie croniche, fino a malattie neurodegenerative come l'Alzahimer e il Parkinson".

A tutto ciò va aggiunta la predisposizione genetica a sviluppare tali patologie.Va sottolineato che i bambini sono più fragili, pertanto iniziare questi sport da piccoli aumenta il rischio di andare in contro a commozioni cerebrali.

Infine il dott.Chazal ha detto che

"In molti sport le concussion sono inevitabili, pertanto è opportuno che sin da piccoli i ragazzi vengano monitorati e controllati in modo serio, per evitare gli sviluppi di patologie cerebrali. Per i professionisti è senza ombra di dubbio difficile agire con tanta sicurezza dal momento che c'è un'elevata pressione finanziaria su di loro, senza parlare dei modelli sportivi, che impongono nuovi standard in molte discipline".

 

Foto Alfio Guarise

notizie correlate

Rugby Academy Femminile di Stanghella: ecco Stephen Mark Harries

Rugby Academy Femminile di Stanghella: ecco Stephen Mark Harries

Il gallese è il primo consulente esterno della prima Women's Rugby Academy italiana
Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Fabio Beraldin “in progetto una nazionale U20 e U21 a sostegno della prima squadra femminile”
La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

Rugby Women’s Academy: il programma inedito del progetto
Roberto Tavella, dal rugby al Buddhismo Zen

Roberto Tavella, dal rugby al Buddhismo Zen

Il giocatore di rugby, diventato pilota, e adesso monaco zen
I 15 candidati allo European Player of The Year Award

I 15 candidati allo European Player of The Year Award

Lo EPCR ha diramato la lista dei giocatori candidati
Una franchigia italiana di Top12 per la Challenge Cup

Una franchigia italiana di Top12 per la Challenge Cup

La proposta nata da Vaccari sembra essere appoggiata in Veneto

Rugby Win

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale