1 mese fa 30/09/2021 00:28

Zebre e rugby emiliano in lutto per la scomparsa di Leonardo Mussini

Il rugby italiano perde una grande persona

Nella giornata di ieri abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Leonardo Mussini, Responsabile  Comunicazione e Marketing delle Zebre Rugby, aveva solamente 41 anni.

 

Leo Mussini si era avvicinato al rugby da tifoso nel 2008 trascinato dallo zio Andrea Bandini, all’epoca Presidente del Gran Parma Rugby. La sua passione sfrenata per la palla ovale è continuata a crescere negli anni tanto da iniziare a lavorare in ambito comunicativo prima nel Gran Parma, poi negli Aironi Rugby, nel Rugby Colorno ed infine per le Zebre Rugby, franchigia che ha visto nascere ed ha accompagnato con tutta la sua contagiosa energia sino ad oggi.


Leo era l’anima delle Zebre, un instancabile professionista sempre positivo, propositivo ed amato da tutto l’ambiente rugbistico emiliano. Negli ultimi anni stava ricoprendo anche il ruolo di Addetto Comunicazione del Comitato Regionale Emilia Romagna.

 

Purtroppo una rara malattia ai polmoni con la quale stava combattendo da circa un anno ce lo ha portato via dopo due giorni di ricovero all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Di Leo ricorderemo l’entusiasmo, l’energia, la voglia di vivere il rugby nonostante non ci abbia mai giocato. Leo infatti era la dimostrazione di quanto la palla ovale possa far innamorare le persone pur non avendola toccata con mano.

 

Salutiamo con grande riconoscenza una amico di Rugbymeet, una persona su cui ci si poteva sempre contare, un compagno sempre a sostegno come il rugby insegna. Alla famiglia, alla compagna Elisa, a tutti gli amici della franchigia delle Zebre vanno le nostre più sentite condoglianze.

 

Ciao Leo! Grazie di tutto.

 

 

I dettagli sulla cerimonia funebre verranno comunicati in seguito.

notizie correlate

Si ritira il ball carrier Nick Williams [VIDEO]

Si ritira il ball carrier Nick Williams [VIDEO]

Appende le scarpe al chiodo uno dei veri impact player internazionali
Dieci anni fa nascevano gli Aironi, un volo durato due stagioni

Dieci anni fa nascevano gli Aironi, un volo durato due stagioni

Melegari “tradito dalle parmigiane, la Fir non ci ha voluto aiutare”
Fabio Ongaro: standing ovation

Fabio Ongaro: standing ovation

Flanker agli esordi e poi tallonatore, Fabio Ongaro ha guadagnato 81 caps per la nostra nazionale, uno dei quali da capitano, ha preso parte a tre edizioni della Coppa del Mondo e ha giocato nove anni di Sei Nazioni, dal 2003 al 2012.
Andrea Masi: duro come la roccia

Andrea Masi: duro come la roccia

In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat
Mauro Bergamasco: il gladiatore

Mauro Bergamasco: il gladiatore

Mauro Bergamasco è il pilastro del rugby italiano. Con quindici anni di Sei Nazioni e cinque mondiali sulle spalle il flanker è sicuramente, insieme a pochi altri, l’emblema del rugby azzurro nel mondo.
Calvisano e Rovigo vincono nei recuperi di Top10

Calvisano e Rovigo vincono nei recuperi di Top10

Ampio successo dei calvini al Giulio Onesti
Le formazioni dei recuperi di Top10

Le formazioni dei recuperi di Top10

Sfida testa-coda tra Lazio e Calvisano

ultime notizie di Eventi

notizie più cliccate di Eventi