3 anni fa 15/02/2016 16:57

L'Inghilterra di Eddie Jones ci ha regalato una bella sculacciata, scopriamo il perchè

L'analisi di Italia Inghilterra, statistiche e piano di gioco

Eddie Jones ha dichiarato che è soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi che hanno rispettato il game plan contro l’Italia e soprattutto rispettato le consegne di “regalarci” una gran bella sculacciata in termini di risultato e di pedaggio a livello fisico.

In effetti la chiave del match di ieri è stata proprio questa, la brutalità con la quale gli inglesi ci hanno aggredito su ogni punto d’incontro, la differente cattiveria agonistica con la quale i giocatori di Eddie Jones ci hanno insegnato ancora una volta quale sia la differenza per arrivare ad alto livello, anzi meglio quella di giocare ad alto livello e rimanerci.

Il messaggio migliore e la migliore interpretazione non a caso l’ha data Michele Campagnaro che è entrato in campo con la giusta dose di determinazione e cattiveria agonistica. Lo si è visto da come ha placcato Jonathan Joseph alla prima occasione e da altri 2 - 3 interventi difensivi molto importanti.

Ma non è bastato, dal momento che gli inglesi ci hanno sgretolato lentamente “rompendo” , nel primo tempo, ben quattro azzurri in esecuzione di un piano prestabilito e secondo target ben definiti. Guarda caso in rapida successione sono usciti oltre a Marco Fuser, Alessandro Zanni, il nostro miglior guerriero attorno al raggruppamento, Gonzalo Garcia, cerniera difensiva dei trequarti (ha portato parecchia pressione a Owen Farrell) e veramente pericoloso palla in mano, e Ornel Gega.

L’errore di Leonardo Sarto causato da una frettolosa giocata in touche di Carlo Canna per Mattia Bellini è solo incidentale e indicativa dell’enorme pressione che i cavalieri di San Giorgio stavano portando alla nostra linea offensiva. Avete visto con che rapidità e ferocia la linea di difesa inglese saliva? Ottimo esempio della famosa “Wolfpack defence” inventata da Paul Gustard prima per i Saracens e ora portata nell’Inghilterra del suo mentore Eddie Jones.

Abbiamo visto come gli avanti inglesi giocassero ferocemente le contro ruck o avessero come dettame tattico di sporcare ogni pallone possibile, con piedi o con le mani, nei raggruppamenti di marca italiana, al fine di rallentarne l’uscita e permettere alla difesa di salire proprio come un branco di lupi affamati.

Eddie Jones aveva dichiarato di volerci sculacciare, che avrebbe giocato con un pack più dinamico e veloce e di volersi appoggiare a trequarti mobili e tecnici. È stato di parola!

Ma non basta: il suo kicking game era direzionato ad isolare Luke Mclean, o i nostri giocatori schierati profondi a copertura del campo, non dando loro il tempo di organizzare un contrattacco decente. Così è stato, anche a costo di rischiare calci di punizione o cartellini. E Haskell il cartellino giallo l’ha meritato davvero, ma l’arbitro ha ritenuto che non fossero gli estremi. L’esito finale non sarebbe, molto probabilmente cambiato. Forse sarebbe stato meno pesante il passivo

Jones ha dichiarato che una partita di rugby viene giocata sul filo del rasoio, l’equilibrio tra vittoria e sconfitta è sottile ma non passa di certo per il conto dei calci di punizione. Andando a studiare quali siano i team che vincono le varie competizioni in giro per il mondo generalmente quelli più “puniti” sono anche i più vincenti. Concedere calci di punizione non è un segno di mancanza di disciplina, secondo Jones. E in effetti, basterebbe osservare le statistiche della Nuova Zelanda, che non è di sicuro il team più disciplinato del panorama mondiale. E’ importante sapere quando si può concedere un calcio di punizione. Insomma appunto perché si gioca sul filo del rasoio, la ratio è concedere calci di punizione intelligenti e utili nei momenti giusti!

Le statistiche del match di ieri evidenziano tutte queste situazione: gli inglesi hanno concesso 13 calci di punizione contro i 9 dell’Italia, che tuttavia non è riuscita a sfruttarli. Vengono in mente un paio di touche sui 5 metri non capitalizzate quando avremmo potuto ridurre il break dal 9-25 a metà del secondo tempo.

I nostri avversari hanno avuto, inoltre, meno possesso e meno territorio (39% e 37% rispettivamente) che tuttavia hanno saputo capitalizzare molto meglio di noi. Emblematico il perfetto utilizzo dei palloni di recupero che ha prodotto la meta di George Ford nel primo tempo.

Hanno anche portato meno palloni, (92 – 124), guadagnando tuttavia oltre il 60% in più di metri, soprattutto perché sono stati più efficaci nel superare la linea del vantaggio (7 a 1 il computo), potendo utilizzare palloni più veloci e ovviamente pericolosi.

E’ evidente che i nostri ragazzi non sono stati “effective” nel ball-carrying, prendendo palloni lenti e con linee di corsa scontate.

Ci consoliamo con un paio di dati dei primi due turni del 6 Nazioni: Michele Campagnaro risulta il primo in assoluto per numero di “clean breaks” effettuati, ben 5 contro i 3 dei secondi North e Vakatawa, e di turnover vinti con 4, a pari classifica con il seconda linea inglese George Kruis.

Tuttavia preferiamo non condannare le scelte coraggiose e a volte scriteriate dei nostri giovani. I quali hanno avuto il merito di provarci e di osare. Occorre capirli, si stanno facendo ossa ed esperienze al livello più alto “avendo saltato il livello intermedio”. La crescita passa di sicuro per l’esperienza e il potersi confrontare con il livello superiore. Forse a furia di prendere schiaffoni, impareremo anche noi a darne. Speriamo presto!!!

 

Foto Alfio Guarise

La sala stampa di Italia e Inghilterra

Cronaca e tabellino di Italia - Inghilterra

Leggi le pagelle di Giorgio Sbrocco

Risultati e Classifica del 6 Nazioni

notizie correlate

Rassie Eramsus al termine della finale "Ci sono stati giorni in cui Siya non aveva cibo"

Rassie Eramsus al termine della finale "Ci sono stati giorni in cui Siya non aveva cibo"

Eddie Jones "Adesso ho solo bisogno di bere birra", le dichiarazioni al termine della Finale Inghilterra-Sudafrica
Inghilterra troppo efficace, è finale! All Blacks battuti 19-7

Inghilterra troppo efficace, è finale! All Blacks battuti 19-7

Il piano di gioco studiato da Eddie Jones è perfetto, a gioire sono gli inglesi
Mondiale rugby: le formazioni di Inghilterra e All Blacks per la semifinale

Mondiale rugby: le formazioni di Inghilterra e All Blacks per la semifinale

Finale anticipata a Yokohama, le dichiarazioni di Eddie Jones e Steve Hansen
Eddie Jones: “gli All Blacks ci spiano”

Eddie Jones: “gli All Blacks ci spiano”

Si scalda l’atmosfera in attesa della semifinale Inghilterra - Nuova Zelanda
Joe Schmidt nel post partita: "Due sconfitte non spezzano i giorni belli"

Joe Schmidt nel post partita: "Due sconfitte non spezzano i giorni belli"

Le dichiarazioni di Joe Schmidt, Steve Hansen, Eddie Jones e Michael Cheika al termine dei primi due quarti di finale
Mondiale Rugby: le formazioni di Inghilterra e Australia per i Quarti di finale

Mondiale Rugby: le formazioni di Inghilterra e Australia per i Quarti di finale

Eddie Jones punta sul velocissimo Jonny May, Michael Cheika schiera il 19enne Jordan Petaia
Eddie Jones sull’allenamento contrapposto tra Inghilterra e Benetton Rugby

Eddie Jones sull’allenamento contrapposto tra Inghilterra e Benetton Rugby

“Benetton prima faticava a vincere una partita, con Kieran Crowley è diventata una delle prime quattro”

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni