2 mesi fa 06/12/2018 13:44

Super Rugby: quando The Rock scende in campo con i guerrieri del Pacifico

La SANZAAR avrebbe rifiutato l’ingresso nel torneo di una franchigia del Pacifico

La FRU (Fiji Rugby Union) ha rivelato l’intenzione di voler partecipare al Super Rugby con una franchigia composta da giocatori delle isole del Pacifico. La proposta presentata alla SANZAAR - l’organo che gestisce il Super Rugby -  è stata avanzata il 30 giugno 2018 ma l’idea di coinvolgere una franchigia composta da giocatori di Fiji, Samoa e Tonga non ha convinto gli organizzatori del torneo.

Il CEO della FRU John O'Connor ha presentato un’offerta concreta alla SANZAAR che proprio in queste settimane sta rivedendo la struttura del Super Rugby dal 2020. La franchigia isolana avrebbe addirittura coinvolto l'attore Dwayne "The Rock" Johnson a sostegno del progetto. The Rock, ex wrestler di origini samoane, aveva espresso interessamento all’idea ma il “no” del Super Rugby avrebbe spento ogni entusiasmo.

SANZAAR una volta valutati i requisiti e i criteri ha riposto che “con il modello commerciale proposto dalla FRU sarebbe insostenibile realizzare una Pacific Super Team in grado di essere al livello dei requisiti tecnici e migliorare l’aspetto comunicativo e commerciale (broadcast / televisivo) del torneo.”

Una squadra di rugby che ha come promoter niente meno che The Rock avrebbe poco appeal verso media e sponsor? Difficile da credere.

 

 

 

Visita lo Shop di Rugbymeet e scopri tutte le offerte

Mattia Brignoli  2 mesi fa

Per forza no... Per il rugby neozelandese/australiano/inglese/francese sarebbe la fine!! Visto che se incominciano ad entrare soldi da quelle parti, nell'arco d'un quinquennio diventerebbero le nazionali più forti e più competitive al mondo!! Sonny b. William- falou- fratelli savea- ioane - sopoaga - fratelli vunipola - kuridrani etc... Etc... Dove giocherebbero oggi con una franchigia isolana e di conseguenza federazioni più ricche??

Ettore Adriano  2 mesi fa

Non sono d'accordo. SBW, falou, vunipola & co hanno origini isolane vero... Ma si sono formati in Nuova Zelanda, li hanno imparato a giocare a rugby. Per me non c'è il rischio che risentano di questa cosa.

Mattia Brignoli  2 mesi fa

Nulla di più vero, quando dice che si son formati in NZ, Inghilterra, Australia etc.. ma la domanda che dovrebbe porsi, successivamente al suo ragionamento è: perché a 18 anni han fatto le valige e son andati in Inghilterra, NZ, Australia etc... a giocare a rugby?

Mattia Brignoli  2 mesi fa

E dopo aver ragionato sulla risposta alla precedente domanda, di conseguenza ci si dovrebbe domandare: sarebbero comunque andati in un altro paese, lontani dalla famiglia, se ci fosse stata una franchigia professionistica nel loro paese?

notizie correlate

Rugby Academy Femminile di Stanghella: ecco Stephen Mark Harries

Rugby Academy Femminile di Stanghella: ecco Stephen Mark Harries

Il gallese è il primo consulente esterno della prima Women's Rugby Academy italiana
Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Sei Nazioni Femminile: è tempo di Italia v Irlanda

Fabio Beraldin “in progetto una nazionale U20 e U21 a sostegno della prima squadra femminile”
La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

La prima Accademia di rugby Femminile d’Italia nasce a Stanghella

Rugby Women’s Academy: il programma inedito del progetto
Roberto Tavella, dal rugby al Buddhismo Zen

Roberto Tavella, dal rugby al Buddhismo Zen

Il giocatore di rugby, diventato pilota, e adesso monaco zen
I 15 candidati allo European Player of The Year Award

I 15 candidati allo European Player of The Year Award

Lo EPCR ha diramato la lista dei giocatori candidati
Una franchigia italiana di Top12 per la Challenge Cup

Una franchigia italiana di Top12 per la Challenge Cup

La proposta nata da Vaccari sembra essere appoggiata in Veneto

Rugby Win

ultime notizie di Super Rugby

notizie più cliccate di Super Rugby