9 mesi fa 10/01/2019 01:51

Sei Nazioni: Conor O’Shea “mai viste tante squadre competitive come quest’anno”

Il commento del CT dell’Italia a margine dell’annuncio dei 31 convocati

Tornano a far parte del gruppo azzurro la terza linea del Benetton Rugby Marco Barbini,la terza linea delle Zebre Rugby Maxime Mbandà e l’ala del Benetton Angelo Esposito. Prima convocazione per l’italo-inglese delle Zebre David Sisi.

Dopo l’annuncio dei 31 convocati dell’Italia in preparazione del 6 Nazioni 2019 il CT Conor O’Shea ha rilasciato qualche commento:

“Come sempre abbiamo dovuto fare delle scelte difficili nelle convocazionima non vediamo l’ora di riunirci e continuare il lavoro non solo per essere competitivi ma anche vincenti.”

O’Shea parla delle prossime avversarie: “Probabilmente il Sei Nazioni non ha mai visto così tante squadre così competitive come quello di quest’anno. Conosciamo la sfida che ci attende, dobbiamo essere più competitivi e lavorare ancora più duramente per fare in modo che i momenti chiave di queste partite vadano come vogliamo” ammette il tecnico irlandese dell’Italrugby.

“Abbiamo giocato e battuto squadre come Fiji, Giappone e Georgia negli ultimi 18 mesi, ma non siamo riusciti a ottenere vittorie contro le squadre di vertice. Stiamo lavorando e continueremo a farlo e a giocare con l’ambizione di raggiungere tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati.” La conclusione di Conor O’Shea.

L’Italia esordirà nel Guinness Sei Nazioni a Edimburgo contro la Scozia sabato 2 febbraio alle 15.15 locali (14.15 in Italia).

I 31 azzurri convocati per il 6 Nazioni 2019

 

Il calendario del 6 Nazioni 2019

Foto Francesca Pone

 

 

Visita Rugbymeet Shop e scopri tutte le offerte

Mattia Brignoli  9 mesi fa

Che utilità v'era nel dire queste ovvietà?! Tutti sanno che l'Italia parte dietro alle altre 5 Nationals ma ripeterlo come mantra a stampa e tifosi, non fa altro che regalare alibi a tutti, giocatori compresi. Ovvio che probabilmente si perderanno tutte le partite, perché ha ragione O'Shea quando dice che mai il 6N ha avuto squadre così in forma e così competitive ma dirlo pubblicamente, non è utili né alla squadra né a tutto il movimento.

Samuele Bartolini  9 mesi fa

Preveo altro wooden spoon! Noi italiani amanti della cucina ne siamo pieni. PS ora i cucchiai di legno sono vietati dal ministero della salute, preghiamo il Sig Gavazzi e soci della Fir di prendere nota e cambiare qualcosina nell'assetto, grazie.

notizie correlate

Conor O'Shea parla al termine del Mondiale: "C'è speranza per il futuro"

Conor O'Shea parla al termine del Mondiale: "C'è speranza per il futuro"

Il coach della Nazionale dice la sua sulla squadra al termine della Rugby World Cup
In edicola Allrugby numero 140

In edicola Allrugby numero 140

E’ il momento di raccontarvi il Top 12
Italia: il dopo O’Shea potrebbe chiamarsi Vern Cotter

Italia: il dopo O’Shea potrebbe chiamarsi Vern Cotter

Vern Cotter, Dave Rennie e Rob Howley in corsa per la panchina azzurra
Mondiale rugby: Conor O’Shea “sono distrutto, per i ragazzi e per tutta la squadra”

Mondiale rugby: Conor O’Shea “sono distrutto, per i ragazzi e per tutta la squadra”

Il CT dell'Italia “il cartellino rosso a Lovotti ha ucciso la partita”
Sudafrica - Italia: Sergio Parisse “la pressione sarà tutta su di loro”

Sudafrica - Italia: Sergio Parisse “la pressione sarà tutta su di loro”

Il CT Conor O’Shea: “Dobbiamo giocare come se fosse l’ultima partita”

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale