1 anno fa 04/10/2018 09:36

Rugby: allenarsi a improvvisare

Sorprendere gli avversari è fondamentale

Il gioco del rugby è un gioco strutturato, che segue binari ben definiti e trame che tutti gli addetti a lavori conoscono. Ogni squadra è chiamata ad applicare precisi piani di gioco che hanno declinazioni differenziate a seconda che si giochi in attacco, in difesa, in uscita da una mischia o da una rimessa laterale... Se è vero che al giocatore viene chiesta l’adesione completa alle strategie decise a tavolino, si potrebbe essere tentati di limitare la sua creatività individuale, riportandola a una disciplina tattica assoluta.

Il giocatore, garibaldino per eccellenza, dovrebbe solo dire “Obbedisco” e abbassare la testa.

Ci sono due ragioni per cui un atteggiamento del genere, ostile alla creatività e all’improvvisazione, diventa un boomerang.

La prima ha a che fare con le aspettative degli avversari. In un rugby in cui non si lascia niente al caso diventa difficile risultare imprevedibili con un piano di gioco lineare e blindato. C’è riuscita l’Italia di O’Shea in Inghilterra due anni fa con la “fox”, ben sapendo però che sarebbe stato un tentativo difficilmente ripetibile, proprio perché le altre squadre del 6 Nazioni si sarebbero subito preparate a una contromossa.

La seconda ragione ha a che fare con la motivazione delle persone. Per motivarci, giocatori o meno, è fondamentale che ci sia lasciato un minimo margine di autonomia decisionale, la responsabilità definitiva dei nostri gesti. Nessun mero esecutore potrà mai essere motivato a dare il massimo.

C’è allora un modo per allenarsi a improvvisare bene, uscendo dai binari al momento giusto e nel modo giusto? Supponiamo di dover provare una fase di gioco. Proviamolo esattamente come dovrebbe essere sulla carta, curando maniacalmente i dettagli. Poi, riproviamola lasciando più libertà alla squadra, lasciando tutti liberi di percorrere una strada alternativa se ne vedono un vantaggio.

Il messaggio risulterà chiaro: il piano di gioco è una base, ma è responsabilità dei giocatori non applicarlo momentaneamente se si intuiscono possibilità migliori. Sarà un lavoro lungo e faticoso, ma chi avrà la possibilità di lavorare con la stessa squadra per un periodo di tempo consistente la vedrà senz’altro crescere in intelligenza e in maturità.

 

 

notizie correlate

Silvia Turani: “il rugby mi ha sconvolto la vita”

Silvia Turani: “il rugby mi ha sconvolto la vita”

Prima la bulimia e l’anoressia, poi il rugby: “il mio corpo è diventato un mezzo e non un fine”
Perché siamo tutti Lovotti

Perché siamo tutti Lovotti

Il significato di sostegno nel rugby
Panico da Mondiali? Gestiscilo così

Panico da Mondiali? Gestiscilo così

Quando le emozioni ci sovrastano gestiscile con la Dialectical Behavioural Therapy
I ragazzi e lo sport, come evitare l'abbandono

I ragazzi e lo sport, come evitare l'abbandono

Uno studio comparato ci indica la strada
Rugby: Le occasioni d’oro del ritiro pre stagione

Rugby: Le occasioni d’oro del ritiro pre stagione

Preparare mentalmente la squadra per l’inizio di stagione
La meditazione del rugbista

La meditazione del rugbista

Un esercizio per la preparazione estiva
Lo sport e la meditazione

Lo sport e la meditazione

Dall'autosuggestione alla consapevolezza

Rugby Win

  • Rugbywin Championship 2019/2020  

    RUGBYWIN

    Cos'è RugbyWin?

    RygbyWin è il gioco che mette alla prova la tua conoscenza del rugby nazionale e internazionale!

    Chi vince e chi perde? Ogni settimana testeremo la vostra abilità proponendovi 10 partite a cui darete il vostro pronostico. La classifica settimanale determinerà i migliori Rugbymeeters della giornata mentre la classifica generale di fine stagione decreterà il vincitore dell’anno.

    Cosa aspetti? Gioca con noi, il migliore riceverà a casa il regalo della settimana! 

ultime notizie di Mental Coach

notizie più cliccate di Mental Coach