3 mesi fa 23/04/2020 17:23

Il Principality Stadium è diventato il più grande ospedale per i malati di Covid-19 del Regno Unito

A inaugurare l’impianto il Principe Carlo, patrono della federazione gallese

Il Sei Nazioni è sospeso ma il rugby continua a giocare la sua partita contro un nemico invisibile, una pandemia che sta mettendo in ginocchio tutto il mondo. La WRU, federazione gallese, proprietaria del Principality Stadium (ex Millennium e Arms Park ndr), si è subito messa a disposizione del servizio sanitario nazionale gallese contro il coronavirus.

Dopo quattro settimane di lavoro il Principality Stadium di Cardiff è diventato il più grande ospedale per malati di Covid-19 del Regno Unito: la casa del rugby gallese potrà ospitare fino a 2000 posti letto così da fronteggiare i picchi di infezione da coronavirus previsti a breve in UK.

Spogliatoi, palestre, sale e corridoi sono stati trasformati in ambienti attrezzati per l’emergenza sanitaria, il prato del Principality è ora coperto da strutture e gli altissimi pali da rugby sono stati rimossi. A inaugurare il momentaneo impianto è stato proprio il Principe Carlo, patrono della federazione gallese, in una video conferenza trasmessa dalla Scozia nei maxi schermi dello stadio.

Il Principe Carlo è tra i guariti dal covid-19, oggi i morti nel Regno Unito sono ufficialmente 18mila ma il Financial Times ne indica ben 41mila. 

“In Galles non puoi battere i gallesi: al massimo può capitare di segnare qualche punto più di loro” diceva Sid Going, leggendario mediano di mischia del XV neozelandese degli anni Settanta che continua ancora a vestire in “tutto nero”: dalla maglia All Blacks alla tonaca della chiesa metodista. Con questo spirito il rugby gallese si è mosso nella battaglia al virus.

 

Foto @principalitysta

notizie correlate

Tre mete annullate non fermano le Azzurre, Galles battuto 15-19

Tre mete annullate non fermano le Azzurre, Galles battuto 15-19

L'Italia femminile inizia il Sei Nazioni nel migliore dei modi vincendo il primo match all'Arms Park
A Cardiff non c'è partita, Calvisano travolto 64-3

A Cardiff non c'è partita, Calvisano travolto 64-3

Gli uomini di Brunello escono sonoramente suonati dalla trasferta con i Blues
Dall’Arms Park di Cardiff una giocata pazzesca da touche [VIDEO]

Dall’Arms Park di Cardiff una giocata pazzesca da touche [VIDEO]

Durante una partita amatoriale tra due squadre gallesi le magie non mancano
Ken Jones: il figlio del vento

Ken Jones: il figlio del vento

Campione a tutto tondo, il gallese Ken Jones si è esaltato tanto sui campi da rugby quanto sulle piste di atletica, arrivando a vincere la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Londra del 1948.
Bleddyn Williams: il principe di Galles

Bleddyn Williams: il principe di Galles

Soprannominato il Principe dei Centri, Bleddyn Wiliams è stato la star indiscussa del periodo amatoriale del rugby subito dopo la seconda guerra mondiale. Ad oggi, Williams è l’ultimo capitano di una squadra gallese ad avere sconfitto gli All Blacks
Delme Thomas: l'uomo che non arretrava mai

Delme Thomas: l'uomo che non arretrava mai

Leggendario seconda linea gallese, Delme Thomas ha conquistato il Grande Slam del 1971, ha intrapreso tre tour con i British Lions e, da capitano, ha guidato il Llanelli ad una storica vittoria sugli All Blacks nel 1972.
Cliff Morgan: oltre il campo di gioco

Cliff Morgan: oltre il campo di gioco

Il gallese Cliff Morgan è stato uno dei personaggi di spicco del rugby britannico, entrando nella leggenda prima come apertura della nazionale gallese e dei British Lions e poi nel ruolo di commentatore sportivo.
Ieuan Evans: le magie di Mago Merlino

Ieuan Evans: le magie di Mago Merlino

Ieuan Evans è considerato una delle più grandi ali della storia del rugby gallese. Soprannominato Mago Merlino, In undici anni di carriera internazionale ha segnato 33 mete per il Galles in 72 partite, alle quali vanno aggiunte le 9 che ha realizzato n

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale