1 mese fa|6 mesi fa 20/09/2018 09:07

Pronti al cambiamento e il limite dei tre mandati

“Un rugby moderno chiede uomini moderni”

Pronti al cambiamento, il “partito” anti Gavazzi, come ogni mese pubblica nei suoi comunicati tematiche riguardanti gli affari federali. La rubrica intitolata “Informiamo il rugby” ha annunciato nelle scorse settimane l’addio di Marzio Innocenti, il portavoce che nelle ultime elezioni ha mancato di poco la nomina a nuovo presidente federale. L’erede che prenderà la guida di Pronti al Cambiamento non è ancora stato annunciato.

“Un rugby moderno chiede uomini moderni; la complessità richiede condivisione, capacità di fare squadra, di progettare insieme, di dialogare e far fruttare le differenze.” si legge tra le righe. Tra i temi trattati questa settimana c’è il limite dei Tre Mandati, lo riportiamo qui sotto.

 

IL LIMITE DEI TRE MANDATI

La Legge n. 8 dell’11 gennaio 2018 entrata in vigore con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 13 febbraio 2018 ha stabilito nel numero di 3 i mandati che possono essere svolti dal Presidente del Coni e dai componenti della Giunta Nazionale. Lo stesso limite si applica anche ai Presidenti e ai membri direttivi degli organi territoriali del CONI (cfr art. 1 L. 8 del 11/01/2018).

L’allora Ministro Lotti dichiarò che “in questo modo si garantisce da un lato il giusto avvicendamento nei ruoli apicali degli organi sportivi, e dall’altro si consente che gli incarichi abbiano una durata temporale sufficiente per realizzare un progetto sportivo compiuto”.

Solo a mero titolo informativo, tra i Presidenti di Federazione più longevi ricordiamo esserci con 7 mandati Rossi del tiro a volo mentre con 5 mandati Barelli (nuoto), Binaghi (tennis), Chimenti (golf), Di Rocco (ciclismo) e Scarso (scherma).

L’art. 2 della stessa legge stabilisce che gli “statuti delle federazioni sportive nazionali e delle discipline sportive associate prevedono le procedure per l’elezione del presidente e dei membri degli organi direttivi, promuovendo le pari opportunità tra donne e uomini. Il presidente e i membri degli organi direttivi restano in carica quattro anni e non possono svolgere più di tre mandati”.

Inoltre allo stesso articolo 2 si sottolinea che “qualora le federazioni sportive nazionali e le discipline sportive associate non adeguino i propri statuti alle predette disposizioni, il CONI, previa diffida, nomina un commissario ad acta che vi provvede entro sessanta giorni dalla data della nomina....(omissis) e che “la disciplina di cui al presente comma si applica anche agli enti di promozione sportiva, nonché ai presidenti e ai membri degli organi direttivi delle strutture territoriali delle federazioni sportive nazionali e delle discipline sportive associate”.

Appare quindi evidente, al di là delle previsioni di adeguamento statutario, che tanto i direttivi delle Federazioni quanto dei Comitati Regionali siano interessati dal limite dei 3 mandati.

All’art. 6 c. 4 vi è una ulteriore specifica degna di nota riferita ai presidenti e ai membri degli organi direttivi nazionali e territoriali delle federazioni sportive nazionali che sono in carica alla data di entrata in vigore della presente legge, ovvero al 13 febbraio 2018: tutti i presidenti e i membri degli organi direttivi nazionali e territoriali in carica e che hanno già raggiunto il limite dei tre mandati possono svolgere, se eletti, un ulteriore mandato. In questo caso, il presidente uscente candidato è confermato qualora raggiunga una maggioranza non inferiore al 55% dei votanti.

Quanto disposto ex lege è stato recepito dal CONI mediante la delibera del Consiglio Nazionale n. 1613 del 4 settembre 2018, termine a partire dal quale scattano i quattro mesi nei quali le Federazioni dovranno procedere ad adeguare ed approvare i relativi statuti.

Associazione Pronti al Cambiamento

                           Operativamente, però, vi sono delle questioni di non poco conto che, ad oggi, con le informazioni in possesso rimangono ancora poco chiare.

Posto che la ratio sottostante alla novella normativa è proprio quella indicata dall’allora Ministro Lotti – cioè di garantire tanto il giusto avvicendamento nei ruoli apicali degli organi sportivi quanto di consentire che gli incarichi abbiano una durata temporale sufficiente per realizzare un progetto sportivo compiuto - non è chiaro se il cumulo dei mandati sia declinabile anche a livello qualitativo oltre che a livello quantitativo.

Operativamente, un presidente di comitato regionale che sia nelle condizioni di incompatibilità per aver svolto 3 mandati, è eleggibile come presidente federale?

Un presidente di comitato regionale al terzo mandato è eleggibile come consigliere regionale o nazionale? Viceversa, un consigliere regionale al terzo mandato è eleggibile come presidente di comitato regionale o nazionale?

E ancora, un soggetto che abbia ricoperto due mandati da consigliere e uno da presidente è eleggibile in qualsivoglia ruolo regionale o nazionale?

Su questo tanto il legislatore quanto il CONI non hanno dato alcuna specifica in merito.

Sarebbe auspicabile una pronuncia in tal senso, volta a garantire serenità e fluidità di gestione con largo anticipo rispetto ai rinnovi delle cariche previsti tra un paio di anni alla fine dei quadrienni olimpici.

Certo è che se la ratio della novella è proprio quella di garantire l’avvicendamento nei ruoli apicali, tutte le domande di cui sopra avrebbero come risposta univoca quella della piena incompatibilità ed ineleggibilità, posto che gli stessi non fossero in carica al 13 febbraio 2018.

Qualora, invece, si volesse privilegiare l’aspetto legato alla possibilità di avere una durata temporale sufficiente per realizzare un progetto sportivo compiuto, le risposte alle domande di cui sopra potrebbero essere oggetto di tanti distinguo che poco contribuirebbero alla chiarezza e alla fluidità d’azione.

Non è difficile immaginare quali e quanti ricorsi potrebbero essere depositati agli organi di giustizia federale e ai collegi di garanzia del CONI con il solo risultato di ammalorare un clima che dovrebbe essere disteso e franco pur nella diversità di posizioni.

Certo è che, nel caso di ricorsi, non è chiaro se l’attuale struttura delle corti giudicanti – di nomina federale – sarebbe in grado di garantire la giusta terzietà: ma questo è un altro tema su cui varrebbe la pena di aprire un altro dibattito.

 

Visita Rugbymeet Shop e scopri tutte le offerte

Kristian Gatta  1 mese fa|6 mesi fa

una supercazzola prematurata...

notizie correlate

Federazione Italiana Rugby: Salvatore “Totò” Perugini lascia l’incarico di Vice-Presidente

Federazione Italiana Rugby: Salvatore “Totò” Perugini lascia l’incarico di Vice-Presidente

L’ex pilone azzurro si è dimesso venerdì durante il Consiglio Federale
Giancarlo Dondi “io di nuovo Presidente? Non ho più l’età”

Giancarlo Dondi “io di nuovo Presidente? Non ho più l’età”

Le elezioni si avvicinano, ecco i possibili candidati alla presidenza Fir
Rugby Femminile, potenziamento tecnico da parte della FIR

Rugby Femminile, potenziamento tecnico da parte della FIR

Dal 2005 ad oggi il 1000% di tesserati in più, adesso va alimentata la Nazionale U20 e la Nazionale Maggiore
Fabiani non ce la fa, in arrivo Makelara

Fabiani non ce la fa, in arrivo Makelara

Il tallonatore delle Zebre non è al meglio, altra convocazione per sostituirlo
Sei Nazioni 2019, iniziato il raduno degli Azzurri

Sei Nazioni 2019, iniziato il raduno degli Azzurri

Mercoledì la partenza per Edimburgo, al via il 125° Sei Nazioni
Il discorso di fine anno del Presidente FIR Alfredo Gavazzi [VIDEO]

Il discorso di fine anno del Presidente FIR Alfredo Gavazzi [VIDEO]

“Ho il dovere morale di ricostruire il nostro patrimonio rugbistico”
Caso Chesani, chirurgia plastica per ricostruire il lobo

Caso Chesani, chirurgia plastica per ricostruire il lobo

Il pilone del Pedemontana ha perso definitivamente il lobo dell'orecchio, dovrà essere ricostruito
Italia: crisi di risultati che si tramuta in crisi di entrate nelle casse federali

Italia: crisi di risultati che si tramuta in crisi di entrate nelle casse federali

Calo spettatori: Dagli 80.018 spettatori del 2009 a San Siro ai 53.204 di Italia - All Blacks dello scorso novembre

Rugby Win

ultime notizie di Fir

notizie più cliccate di Fir