8 giorni fa 15/05/2018 16:00

Finale di Eccellenza: Petrarca e Calvisano per il titolo italiano numero 88

Eccellenza a 12 squadre e Accademia di Treviso: il presidente Alfredo Gavazzi commenta le scelte federali

Petrarca e Calvisano si sfidano per la prima volta in una finale del campionato italiano, l’ultimo capitolo dell’Eccellenza 2017/18 si giocherà allo stadio Plebiscito di Padova sabato 19 maggio mettendo in palio il titolo italiano numero 88.

Il Petrarca Rugby del giovane tecnico Andrea Marcato (34 anni) ha dominato la classifica della stagione regolare conquistando una finale che mancava da 7 anni (ultimo scudetto vinto al Battaglini contro il Rovigo nel 2010). Calvisano scende in campo nella sua quinta finale consecutiva la terza con l’esperto Massimo Brunello in panchina.

Il Petrarca è a caccia del titolo italiano numero tredici della sua gloriosa storia, Calvisano punta al quinto titolo in sette anni, se dovesse arrivare diventeranno 7 i trofei tricolore nella bacheca bresciana.

Negli scontri diretti della stagione regolare c’è parità: Calvisano ha vinto in casa 19-16 e il Petrarca alla Guizza si è imposto 18-17.

Il presidente Fir Alfredo Gavazzi ha presentato la finale oggi al NH Touring di Milano: “Vedremo in campo due squadre di qualità: il Calvisano ha avuto una buona partenza, ma nella fase finale della stagione regolare ha lasciato punti pesanti per strada, mentre il Petrarca ha fatto vedere, gara dopo gara, una crescita molto interessante. Faccio a entrambe le Società il mio personale in bocca al lupo e che possa vincere la squadra migliore”.

Inoltre il numero uno della Fir, intervistato da R1823, si sbilancia sul prossimo campionato di Eccellenza che, come sappiamo da tempo, sarà a 12 squadre. Le perplessità sull’allargamento del prossimo campionato sono molte, si rischierebbe fin da subito di assistere a un campionato spaccato in due con sei squadre in lotta per i playoff e le rimanenti sei in lotta per non retrocedere.

“Io, personalmente, non ero d’accordo di allargare il campionato, per una serie di problemi. L’ufficio tecnico, invece, sembrava fosse convinto di poter allargare. L’idea è quella che l’Eccellenza è la fine di un percorso di formazione e, di conseguenza, questo dava l’opportunità a più giovani di giocare ad alto livello” .

Gavazzi commenta anche la scelta di non creare una seconda Accademia con base a Treviso: “il motivo della cancellazione della seconda Accademia è economico. Con il piano di rientro dal debito che la Fir si è prefissata i circa 800mila euro dell’Accademia non ci sono. Il progetto, però, non è morto e potrebbe ripartire dalla stagione 2020/21” conclude Gavazzi da R1823.

Tornando alla finale di Eccellenza ecco le dichiarazioni dei capitani:

Alberto Saccardo seconda linea e capitano del Petrarca: “Abbiamo lavorato duro per arrivare a questa Finale per lo scudetto e dobbiamo ringraziare il nostro tecnico Andrea Marcato e tutto lo staff per aver gestito la stagione e la rosa nel migliore dei modi, con un turn-over che ci ha consentito di arrivare a questo ultimo atto non usurati e determinati a giocarci le nostre chance di riportare lo scudetto a Padova. Prepariamo questa partita come tutte le altre di questa stagione, senza metterci pressione da soli ma consapevoli di andare ad affrontare i Campioni in carica, una squadra di grande esperienza che saprà dare il 100%”.

Il trequarti e vice capitano del Calvisano Alberto Chiesa: “Stiamo preparando la gara in tranquillità. La doppia semifinale contro Rovigo – ha detto l’utility back livornese del Calvisano – è stata molto impegnativa fisicamente e i nostri avanti hanno fatto un lavoro straordinario contro la miglior mischia dell’Eccellenza. L’obiettivo era difendere il nostro titolo, ma la partita contro Rovigo allo scadere ci ha insegnato che possiamo credere in ciò che vogliamo sino all’ultimo secondo”.

La finale che deciderà la squadra campione d’Italia 2017/18 è in programma questo sabato alle ore 17.00 allo stadio Plebiscito di Padova e in diretta  web su therugbychannel.it.

Scontri diretti – S.S. 2017/2018

Rugby Calvisano v Petrarca Padova 19-16, Calvisano 29 ottobre 2017

Petrarca Padova v Rugby Calvisano 18-17, Padova 17 febbraio 2018

 

Così in semifinale

Femi-CZ Rovigo v Patarò Calvisano 12-9 (4-1); rit. 24-20 (4-1)– Calvisano per differenza punti

Fiamme Oro Roma v Petrarca Padova and. 27-36 (0-5); rit. 24-10 (4-0)

Biglietti per la Finale

I biglietti per la Finale del Campionato Italiano d’Eccellenza 2017/2018, in calendario presso lo Stadio “Plebiscito” di Padova sabato 19 maggio alle ore 17.00, possono essere acquistati presso la Segreteria del Petrarca Padova, in via Gozzano 64 a Padova, all’interno degli impianti “Memo Geremia”.

Sabato 19 maggio i biglietti ancora disponibili saranno in vendita presso la biglietteria dello Stadio Plebiscito a partire dalle ore 14.00

Prezzi

20€ Biglietto intero

12€ Ridotti Donne

Gratuito U16

Enrico Daniele  8 giorni fa

Refuso: lo scontro diretto a Padova tra Petrarca Rugby e Patarò Calvisano è finito 18-17 per il Petrarca.

Staff Rm  8 giorni fa

Sistemato, grazie della segnalazione Daniele.

notizie correlate

Nasce a Verona la prima Accademia indipendente di rugby

Nasce a Verona la prima Accademia indipendente di rugby

Il Verona Rugby presenta la sua Academy, Grant Doorey, Zane Ansell e Greg Sinclair nello staff tecnico accademico
Daniele Rimpelli in Pro14 dalla prossima stagione

Daniele Rimpelli in Pro14 dalla prossima stagione

Il pilone del Calvisano andrà alle Zebre
Accademie giovanili e giocatori naturalizzati

Accademie giovanili e giocatori naturalizzati

La domanda è: il sistema degli asterischi funziona?
Cavalieri-Accademia si dovrà rigiocare

Cavalieri-Accademia si dovrà rigiocare

Non sussistevano le condizioni di sicurezza, mancava l'ambulanza all'esterno del campo
L’Italia dall’ingresso nel 6 Nazioni ad oggi

L’Italia dall’ingresso nel 6 Nazioni ad oggi

Talenti emigrati, sistema Accademie e ingresso nel Pro12
Nicola Belardo lascia il rugby per diventare skipper professionista

Nicola Belardo lascia il rugby per diventare skipper professionista

“Sono come sono perché sono stato un uomo di rugby”

Rugby Win

ultime notizie di Eccellenza

notizie più cliccate di Eccellenza