ultimissime notizie

Miti del Rugby    0 commenti   10 mesi fa

Charles Monro: l’inizio di tutto

L'uomo che ha introdotto il rugby in Nuova Zelanda

Tornato in Nuova Zelanda dall'Inghilterra, Charles Monro ha portato con sé quattro palloni dalla forma ovale, ha insegnato le regole di un nuovo gioco, ha organizzato partite con altre squadre e ha aiutato la mania del rugby a diffondersi dalla …
Miti del Rugby    0 commenti   10 mesi fa

Errol Tobias: il colore del rugby

Il primo uomo di colore nella nazionale degli afrikaner.

Errol Tobias si è guadagnato un posto nella storia del rugby sudafricano diventando il primo giocatore di colore a disputare un test match, nel 1981. 
Miti del Rugby    0 commenti   10 mesi fa

Tony Stanger: cornamuse nel vento

Il più prolifico metaman di Scozia

Con le sue 24 mete, Tony Stanger è l’attuale detentore del record per quanto riguarda il numero di mete in Scozia. Una di queste è la famosa marcatura che ha concesso il Grande Slam alla propria nazionale nel 1990.
Miti del Rugby    0 commenti   11 mesi fa

Nigel Owens: il trentunesimo uomo

Il fischietto più famoso del rugby.

Nigel Owens è uno dei più affidabili arbitri del rugby internazionale ed un personaggio al di sopra delle righe, grazie alle battute sarcastiche e sagaci con cui apostrofa i giocatori durante la direzione delle partite.

ultime notizie

  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Bryan Williams: ira di Dio

    Bryan Williams è considerato uno dei più grandi giocatori che la Nuova Zelanda abbia mai prodotto. Il trequarti ala di Auckland ha indossato la maglia degli All Blacks dal 1970 al 1978, disputando 113 partite, tra cui 38 test internazionali, realizzand

    Bryan Williams è considerato uno dei più grandi giocatori che la Nuova Zelanda abbia mai prodotto. Il trequarti ala di Auckland ha indossato la maglia degli All Blacks dal 1970 al 1978, disputando 113 …
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Avril Malan: between the lines

    (Roberto Vanazzi) Seconda linea superba degli Springboks dal 1960 al 1965, Avril Malan è stato, con i suoi ventitre anni, il più giovane capitano nella storia degli Springboks.

    (Roberto Vanazzi) Seconda linea superba degli Springboks dal 1960 al 1965, Avril Malan è stato, con i suoi ventitre anni, il più giovane capitano nella storia degli Springboks.
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Michel Crauste: Le Mongol

    Soprannominato Le Mongol, a causa della sua aria vagamente asiatica e i baffi spioventi, il terza linea Michel Crauste ha guadagnato 62 presenze con la nazionale francese tra il 1957 e il 1966, tra le quali 22 con da capitano.

    Soprannominato Le Mongol, a causa della sua aria vagamente asiatica e i baffi spioventi, il terza linea Michel Crauste ha guadagnato 62 presenze con la nazionale francese tra il 1957 e il 1966, tra le …
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Mike Campbell-Lamerton: codice d'onore

    Mike Campbell-Lamerton è stato uno dei più importanti giocatori di seconda linea della sua generazione, quella degli anni ’60. Militare di carriera, Mike ha partecipato a due tour con i Lions, uno nel ruolo di capitano, e ha guadagnato 23 caps con la

    Mike Campbell-Lamerton è stato uno dei più importanti giocatori di seconda linea della sua generazione, quella degli anni ’60. Militare di carriera, Mike ha partecipato a due tour con i Lions, uno nel …
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Rodrigo Roncero: muso da rugby

    Potente e dotato di grande tecnica, tanto in mischia chiusa quanto in campo aperto, il pilone argentino Rodrigo Roncero si è creato una reputazione come uno degli uomini più duri e distruttivi nel mondo del rugby.

    Potente e dotato di grande tecnica, tanto in mischia chiusa quanto in campo aperto, il pilone argentino Rodrigo Roncero si è creato una reputazione come uno degli uomini più duri e distruttivi nel mon …
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Frano Botica: l'uomo senza età

    Il mediano d’apertura neozelandese Frano Botica ha avuto una carriera lunghissima, che è iniziata nel 1984 e si è estesa fino al 2001, divisa tra rugby a 15 e rugby a 13 giocatori. Di lui si ricordano anche un paio di stagioni a L'Aquila alla fine de

    Il mediano d’apertura neozelandese Frano Botica ha avuto una carriera lunghissima, che è iniziata nel 1984 e si è estesa fino al 2001, divisa tra rugby a 15 e rugby a 13 giocatori. Di lui si ricordano …
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Brendan Moon: il potere della luna

    Il trequarti australiano Brendan Moon ha rappresentato la propria nazionale in 35 test, prendendo parte al famoso tour in Europa del 1984 sfociato nel primo Grande Slam per i Wallabies, ei ha giocato anche 100 partite con Queensland, compresa la storica

    Il trequarti australiano Brendan Moon ha rappresentato la propria nazionale in 35 test, prendendo parte al famoso tour in Europa del 1984 sfociato nel primo Grande Slam per i Wallabies, ei ha giocato  …
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    John Rutheford: il vento delle Highlands

    (Di Roberto Vanazzi) Il mediano d'apertura scozzese John Rutheford ha totalizzato 42 caps per la Scozia tra il 1979 e il 1987, risultando determinante nella conquista del Grande Slam del 1984.

    (Di Roberto Vanazzi) Il mediano d'apertura scozzese John Rutheford ha totalizzato 42 caps per la Scozia tra il 1979 e il 1987, risultando determinante nella conquista del Grande Slam del 1984.
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Sergio Lanfranchi: il Braccio e la Bislunga

    Soprannominato Braccio, Sergio Lanfranchi è stato uno dei più grandi rugbisti italiani di tutti i tempi e con i suoi 15 anni in maglia azzurra ha detenuto a lungo il record della carriera più longeva, superato soltanto nel 2015 da Mauro Bergamasco.

    Soprannominato Braccio, Sergio Lanfranchi è stato uno dei più grandi rugbisti italiani di tutti i tempi e con i suoi 15 anni in maglia azzurra ha detenuto a lungo il record della carriera più longeva, …
  • Miti del Rugby  0 commenti   3 anni fa

    Pierre Albaladejo: l'uomo con i piedi d'oro

    Figura iconica del rugby francese, Pierre Albaladejo vanta una trentina di presenze con la propria nazionale tra il 1954 e il 1964, giocate soprattutto nel ruolo di apertura. Calciatore preciso con entrambi i piedi, Albaladejo ha fatto del drop la sua ar

    Figura iconica del rugby francese, Pierre Albaladejo vanta una trentina di presenze con la propria nazionale tra il 1954 e il 1964, giocate soprattutto nel ruolo di apertura. Calciatore preciso con en …