ultimissime notizie

Miti del Rugby    0 commenti   3 anni fa

Charles Monro: l’inizio di tutto

L'uomo che ha introdotto il rugby in Nuova Zelanda

Tornato in Nuova Zelanda dall'Inghilterra, Charles Monro ha portato con sé quattro palloni dalla forma ovale, ha insegnato le regole di un nuovo gioco, ha organizzato partite con altre squadre e ha aiutato la mania del rugby a diffondersi dalla …
Miti del Rugby    0 commenti   3 anni fa

Errol Tobias: il colore del rugby

Il primo uomo di colore nella nazionale degli afrikaner.

Errol Tobias si è guadagnato un posto nella storia del rugby sudafricano diventando il primo giocatore di colore a disputare un test match, nel 1981. 
Miti del Rugby    0 commenti   4 anni fa

Tony Stanger: cornamuse nel vento

Il più prolifico metaman di Scozia

Con le sue 24 mete, Tony Stanger è l’attuale detentore del record per quanto riguarda il numero di mete in Scozia. Una di queste è la famosa marcatura che ha concesso il Grande Slam alla propria nazionale nel 1990.
Miti del Rugby    0 commenti   4 anni fa

Nigel Owens: il trentunesimo uomo

Il fischietto più famoso del rugby.

Nigel Owens è uno dei più affidabili arbitri del rugby internazionale ed un personaggio al di sopra delle righe, grazie alle battute sarcastiche e sagaci con cui apostrofa i giocatori durante la direzione delle partite.

ultime notizie

  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Felipe Contepomi: El Puma

    Felipe Contepomi è stato uno dei migliori giocatori argentini di tutti i tempi, nonché l'uomo che ha guidato i Pumas sino al terzo posto nella Coppa del Mondo del 2007.

    Felipe Contepomi è stato uno dei migliori giocatori argentini di tutti i tempi, nonché l'uomo che ha guidato i Pumas sino al terzo posto nella Coppa del Mondo del 2007.
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Doug Bruce: il drop come arma vincente

    Dotato di mente fredda e notevole abilità, sia per il gioco al piede sia con la palla in mano, l'apertura degli Al Blacks degli anni'70 Doug Bruce ha fatto del drop la sua arma vincente.

    Dotato di mente fredda e notevole abilità, sia per il gioco al piede sia con la palla in mano, l'apertura degli Al Blacks degli anni'70 Doug Bruce ha fatto del drop la sua arma vincente.
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Anthony Copsey: l'inglese con la maglia del Galles

    Anthony Copsey, seconda linea del Galles ma inglese di nascita, è stato uno dei primi giocatori ad avere il diritto di giocare per un Paese straniero grazie alla residenza.

    Anthony Copsey, seconda linea del Galles ma inglese di nascita, è stato uno dei primi giocatori ad avere il diritto di giocare per un Paese straniero grazie alla residenza.
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Marcus Rose: il nome della rosa

    Estremo talentuoso, dotato di un calcio preciso, Marcus Rose si è guadagnato dieci presenze con la nazionale inglese tra il 1981 e il 1987, totalizzando 82 punti.

    Estremo talentuoso, dotato di un calcio preciso, Marcus Rose si è guadagnato dieci presenze con la nazionale inglese tra il 1981 e il 1987, totalizzando 82 punti.
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Joe Rokocoko: vi presento Joe Black

    Il trequarti ala Joe Rokocoko è stato il degno erede di Jonah Lomu tra le fila degli All Blacks, dove si è dimostrato uno dei finisher più letali del rugby moderno

    Il trequarti ala Joe Rokocoko è stato il degno erede di Jonah Lomu tra le fila degli All Blacks, dove si è dimostrato uno dei finisher più letali del rugby moderno
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Terry Wright: alta velocità

    Anche se non era dotato del fisico imponente di John Kirwan, il veloce trequarti ala Terry Wright ha dimostrato di essere comunque un atleta efficace e prezioso, tanto con gli All Blacks quanto per Auckland.

    Anche se non era dotato del fisico imponente di John Kirwan, il veloce trequarti ala Terry Wright ha dimostrato di essere comunque un atleta efficace e prezioso, tanto con gli All Blacks quanto per Au …
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Allan Bateman: il tranquillo uomo del rugby gallese

    Lo stile calmo e rilassato, la grande determinazione, la velocità, il passaggio preciso, la capacità di attaccare gli spazi e quella di organizzare la difesa, hanno fatto di Allan Bateman uno dei migliori trequarti gallesi di sempre

    Lo stile calmo e rilassato, la grande determinazione, la velocità, il passaggio preciso, la capacità di attaccare gli spazi e quella di organizzare la difesa, hanno fatto di Allan Bateman uno dei migl …
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Jon Callard: cinque gare da ricordare

    L'estremo del Bath Jon Callard ha giocato soltanto cinque volte con la nazionale inglese nell'arco di tre stagioni, ma la sua carriera è stata lo stesso estremamente ricca di eventi.

    L'estremo del Bath Jon Callard ha giocato soltanto cinque volte con la nazionale inglese nell'arco di tre stagioni, ma la sua carriera è stata lo stesso estremamente ricca di eventi.
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Mark Donaldson: il proiettile

    Mediano di mischia degli All Blacks alla fine degli anni '70, Mark Donaldson nel suo ruolo non aveva eguali, tant’è che è stato valutato dagli esperti come uno dei numeri 9 più dotati di tutti i tempi.

    Mediano di mischia degli All Blacks alla fine degli anni '70, Mark Donaldson nel suo ruolo non aveva eguali, tant’è che è stato valutato dagli esperti come uno dei numeri 9 più dotati di tutti i tempi …
  • Miti del Rugby  0 commenti   8 anni fa

    Stefano Bettarello: il rugby sulla pelle

    Stefano Bettarello è stato il primo italiano a ricevere un invito dai Barbarians ed è considerato il più grande giocatore nato sul suolo italico, tanto che il suo nome è scolpito nella Walk of Fame nella città di Rugby.

    Stefano Bettarello è stato il primo italiano a ricevere un invito dai Barbarians ed è considerato il più grande giocatore nato sul suolo italico, tanto che il suo nome è scolpito nella Walk of Fame ne …