1 mese fa|2 mesi fa 09/03/2019 19:18

L'Italia è propositiva, ma gli inglesi ce le suonano

Troppi errori, troppi placcaggi sbagliati, e l'Inghilterra ara gli Azzurri per 57-14

Con l'Inghilterra sarà una battaglia. Loro vogliono il bonus offensivo, l'Italia vuole rovinargli la festa.

L'Inghilterra fa capire subito le proprie intenzioni, e riesce a trovare una meta al 6' con Jonny May, successivamente annullata per un passaggio in avanti. Successivamente una punizione consente agli inglesi di andare per la touche. Ottimo il drive avanzante, e Jamie George va in meta: 7-0. Ma che reazione dell'Italia! Gioco ordinato e pulito, con Morisi, Campagnaro e Ruzza che vanno a guadagnare terreno, poi palla bellissima per Allan che finta un passaggio e poi arriva in meta: 7-7. Purtroppo la difesa degli Azzurri è troppo debole. Gioco molto rapido degli inglesi; placcaggio di Esposito che va a vuoto su Daly, scarico dell'estremo inglese per Jonny May.

Al 20' altro placcaggio sbagliato dell'Italia, che lascia via libera a Tuilagi, che si invola in meta: 21-7. Lo scontro tra Tuiliagi e Campagnaro non ha buon esito  sull'azzurro; entra Castello.

L'Italia è sotto tono ora, e gli inglesi non hanno problemi a farci male. Altro break di Manu Tuilagi, che naviga tra le maglie avversaria, palla per Brad Shields che va in meta: al 32' è 31-7. Cosa fa Hayward al 37'! Trova il varco, naviga tra le maglie bianche, calcio a scavalcare per Esposito, ma il pallone esce fuori a pochi metri dalla linea di meta! 

Nella ripresa gli Azzurri iniziano bene, ma manca precisione. E dopo 15 fasi, ad un passo dalla meta, un passaggio sbagliato di Tebaldi rispedisce l'Italia nella propria metà campo. E quando loro sono nella nostra metà campo ci fanno male; infatti al 47' arriva un'altra meta con Tuilagi, partita da un cambio da sinistra verso destra da Owen Farrell, l'Inghilterra gioca dal lato in cui ha la superiorità numerica, e il centro inglese può andare a marcare senza problemi: 36-7. Al 54' arriva finalmente la seconda meta azzurra! Ottima azione di Polledri che fa da ball carrier e guadagna metri, serie di pick and go (9 fasi) e poi apertura del gioco da parte di Tebaldi, palla che arriva a Morisi che va in meta per la terza volta in carriera a Twickenham: 36-14.

Al 64' errore gravissimo di Hayward, che tenta un calcio a liberare, ma c'è George Kruis che stoppa il pallone e va a schiacciare in meta: 43-14. Ormai la Red Rose dilaga senza problema, al 67' arriva la meta del neo-entrato Dan Robson: 50-14. Al 78' arriva una meta fotocopia di quella di Kruis. Calcio a liberare dal box di Tebaldi, e ancora una volta George Kruis intercetta l'ovale, palla per Brad Shields che va in meta: 57-14.

Finisce così... non nel migliore dei modi. L'Inghilterra gioca molto sul piano fisico. L'Italia riesce a tenere bene sui punti di incontro, ma loro hanno maggiore resistenza. Infine c'è da dire che gli Azzurri sono stati costretti a giocare senza centri per gran parte del match, con Palazzani e McKinley schierati in posizioni poco abituali per loro.

 

Tabellino: 8' meta George tr. Farrell (7-0), 12' meta Allan tr. Allan (7-7), 15' meta May tr. Farrell (14-7), 20' meta Tuilagi tr. Farrell (21-7), 26' cp. Farrell (24-7), 32' meta Shields tr. Farrell (31-7), 47' meta Tuilagi (36-7), 54' meta Morisi tr. Allan (36-14), 64' meta Kruis tr. Ford (43-14), 67' meta Robson tr. Ford (50-14), 78' meta Shields tr. Ford (57-14)

Calciatori: 5/6 Owen Farrell (Inghilterra), 3/3 George Ford (Inghilterra), 2/2 Tommaso Allan (Italia)

 

Inghilterra: 15 Elliot Daly, 14 Joe Cokanasiga, 13 Manu Tuilagi, 12 Ben Te’o, 11 Jonny May, 10 Owen Farrell (c), 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Tom Curry, 6 Brad Shields, 5 George Kruis, 4 Joe Launchbury, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Ellis Genge
A disposizione: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Ben Moon, 18 Dan Cole, 19 Nathan Hughes, 20 Mark Wilson, 21 Dan Robson, 22 George Ford, 23 Henry Slade

Italia: 15 Jayden Hayward, 14 Edoardo Padovani, 13 Michele Campagnaro, 12 Luca Morisi, 11 Angelo Esposito, 10 Tommaso Allan, 9 Tito Tebaldi, 8 Sergio Parisse (c), 7 Braam Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 Federico Ruzza, 3 Simone Ferrari, 2 Luca Bigi, 1 Andrea Lovotti
A disposizione: 16 Leonardo Ghiraldini, 17 Cherif Traore, 18 Tiziano Pasquali, 19 David Sisi, 20 Jake Polledri, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Ian McKinley, 23 Tommaso Castello

Twickenham Stadium, Londra
Arbitro: Nic Berry (Australia)
Assistenti: Paul Williams (New Zealand), Andrew Brace (Ireland)
TMO: Simon McDowell (Ireland)

Man of the match: Joe Cokanasiga (Inghilterra)

 

Risultati e classifica della 4° giornata di Guinness Sei Nazioni 2019 - clicca sul match per tabellino e statistiche

Foto Twitter @vitasportivait

 

 

La cover della tua squadra di rugby solo nello shop di Rugbymeet

notizie correlate

Si ritira James Haskell, il terza linea giramondo

Si ritira James Haskell, il terza linea giramondo

“Il mio più grande rammarico è non aver vinto un Mondiale e non essere stato convocato con i Barbarians”
Il Canada si aggiudica il Japan Women's Sevens

Il Canada si aggiudica il Japan Women's Sevens

Le canadesi battono l'Inghilterra nella finale del Kitakyushu 7s
Rugby: dall’Inghilterra la regola dell’Half Game, tutti devono giocare

Rugby: dall’Inghilterra la regola dell’Half Game, tutti devono giocare

Ecco 10 consigli per riuscire a far giocare almeno metà partita a tutti
Twickenham Stadium, la RFU dovrà cambiare la copertura dell'impianto

Twickenham Stadium, la RFU dovrà cambiare la copertura dell'impianto

Dopo una riqualificazione da 80 milioni di sterline adesso c'è il problema tetto da risolvere
Inghilterra - Scozia 38-38 [VIDEO]

Inghilterra - Scozia 38-38 [VIDEO]

La Calcutta Cup resta in Scozia, tutte le mete dello spettacolo in campo ieri a Twickenham
Sei Nazioni: Una Scozia irreale ferma l’Inghilterra, 38-38

Sei Nazioni: Una Scozia irreale ferma l’Inghilterra, 38-38

A Twickenham succede di tutto, Ford salva la rosa ma la Calcutta Cup resta in Scozia
Gli Ospreys strappano il biglietto per la Champions Cup

Gli Ospreys strappano il biglietto per la Champions Cup

Al Liberty Sradium gli Scarlets vengono battuti 21-10

Rugby Win

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni